Home Page
Consultazione
Ricerca per categorie
Ricerca opere
Ricerca produzioni
Ricerca allestimenti
Compagnia virtuale
Servizio
Informazioni e FAQ
Condizioni del servizio
Manuale on-line
Assistenza
Abbonamento
Registrazione
Listino dei servizi
Area pagamenti
Situazione contabile

Fabio Armiliato
FABIO ARMILIATO
Tenore
www.fabioarmiliato.com

Nato a Genova e diplomato in canto presso il Conservatorio di Musica "N. Paganini" di Genova dove ha anche frequentato il corso di Composizione. Vincitore del II Concorso Nazionale "T. Schipa" di Lecce e del Concorso Internazionale "Pavia Lirica" ha debuttato nel Novembre 1986 a Jesi (AN) sostenendo il ruolo di Licinio ne LA VESTALE di G. Spontini.

Fabio Armiliato è uno dei tenori italiani più importanti dell’ultimo decennio. Nato a Genova, si è formato al Conservatorio Niccolo Paganini di Genova. Nel 1986 ha debuttato ufficialmente nel ruolo di Licinio ne La Vestale di Spontini al TEATRO PERGOLESI di Jesi. Dopo aver ricevuto il primo premio al concorso Tito Schipa di Lecce ha avuto inizio per lui una rapida carriera internazionale che lo ha condotto nei più rinomati teatri d’opera del mondo: TEATRO DELL`OPERA DI ROMA: Ernani (ruolo del titolo), Tosca (Cavaradossi); TEATRO MASSIMO DI PALERMO: Cavalleria Rusticana (Turiddu); TEATRO CARLO FELICE di GENOVA: Norma (Pollione); OPERNHAUS ZÜRICH: Un Ballo di Maschera (Riccardo); OPER FRANKFURT: La Boheme (Rodolfo); OPÈRA DE MONTPELLIER: Don Carlo (ruolo del titolo), Simon Boccanegra (Gabriele Adorno), ecc.

Nel 1993 ha debuttato alla METROPOLITAN OPERA di NEW YORK ne Il Trovatore (Manrico) di Verdi. Da allora è comparso in molti spettacoli del summenzionato teatro d’opera e alle tournée che si svolgono successivamente in Giappone: Aida (Radames), Cavalleria Rusticana (Turiddu), Simon Boccanegra (Gabriele Adorno), Fedora (Loris) con M. Freni, Tosca (Cavaradossi), ecc.

Altre importanti tappe nella carriera di Fabio Armiliato sono state il suo debutto nel ruolo di Faust nel Mefistofele di Boito con la direzione del Maestro Riccardo Muti alla SCALA DI MILANO; Adriana Leucouvreur (Maurizio) e Tosca (Cavaradossi) al TEATRO COLON di BUENOS AIRES; Aida (Radames) e Il Trovatore (Manrico) alla San Francisco Opera; La Bohemé (Rodolfo) con Mirella Freni al TEATRO REGIO DI PARMA; Un Ballo di Maschera (Riccardo) e Carmen (Don José) alla WIENER STAATSOPER, il suo debutto come concertista al ROYAL OPERA HOUSE COVENT GARDEN e il suo debutto alla Carnegie Hall di New York nel ruolo di POLIUTO nell'omonima opera di Donizetti, sotto la direzione del M° E. Queller.

Nella stagione 1999-2000, il ritorno a Buenos Aires in un MEFISTOFELE con Sanule Ramey definito indimenticabile da pubblico e critica e il rinnovato successo al METROPOLITAN in CAVALLERIA e AIDA; quindi un nuovo debutto importante: LA FANCIULLA DEL WEST (Dick Johnsson) nella produzione di Giancarlo Del Monaco a Nizza e Montpellier. Dopo l'ERNANI a Genova e a Vienna, la stagione si conclude con uno dei più grandi successi della carriera di Fabio Armiliato in ANDREA CHENIER a Nizza, con Daniela Dessì. La critica lo incorona definendolo "Il miglior Chenier dei nostri giorni - (G.C. Landini - L'OPERA)"

Ancora presente all'ARENA DI VERONA in AIDA nell'estate 2000, la stagione successiva vede il suo debutto a WASHINGTON, accolto da una entusiastica standing ovation, ne IL TROVATORE, sotto la direzione di Placido Domingo. Seguono TOSCA al CIVIC OPERA di Chicago, UN BALLO IN MASCHERA a Munchen col Bayerische Rundfunk, AIDA a Berlino e Bologna, e poi DON CARLO, TOSCA e AIDA allo Staatsoper di Vienna.

Col debutto ne IL TABARRO ancora a Nizza, inizia la stagione 2001-2002 tornando poi a rivestire il ruolo di ANDREA CHENIER a Siviglia, acclamato ancora una volta da critica e pubblico, seguito da una serie di TOSCA ad Hamburg, all'OPERA di Parigi e al Politeama greco di Lecce. Il ritorno al METROPOLITAN è con MADAMA BUTTERFLY ancora con Daniela Dessì e sotto la direzione del fratello Marco: il broadcast di questa recita è stato considerato uno dei migliori della stagione.

Dopo CARMEN a Washington con Jennifer Larmour e diretta da Placido Domingo, con una trionfale Madama Butterfly al Teatro alla Scala di Milano, con Tosca all’Arena di Verona nell’estate 2002 ma soprattutto con Andrea Chénier a Torino e Venezia nel 2003 si consolida il sodalizio artistico con Daniela Dessì, sua compagna anche nella vita, che proseguirà con una serie di straordinari successi tra cui la Manon Lescaut a Siviglia, l’Adriana Lecouvreur a Napoli, Aida e Tosca al Teatro del Liceu di Barcelona, ancora Tosca al Teatro Real di Madrid, il Simon Boccanegra che ha inaugurato il "festival Verdi" a Parma e soprattutto la riproposta di un titolo tra i più importanti del repertorio della giovane scuola: la Francesca da Rimini di Riccardo Zandonai, accolta trionfalmente da pubblico e critica al Teatro dell'Opera di Roma nel 2003 e allo Sferisterio di Macerata nel 2004.

Nel maggio del 2004 ha inoltre partecipato al prestigioso centenario dell'Opera Madama Butterfly al festival Pucciniano di Torre del Lago, proposta poi in tournèe a Tokyo e successivamente, sotto la direzione del M.o Zubin Mehta, ha riscosso nello stesso anno un grande successo personale come protagonista del Don Carlo, nella versione in cinque atti, durante il Festspiele alla Staatsoper di Munchen.

Fabio Armiliato ha già collaborato con molti direttori d'orchestra di fama internazionale, tra questi nominiamo oltre i già citati J. Levine, Z. Mehta, R. Muti: M. Chung, N. Santi, M. Viotti, D. Renzetti, S. Young, E. Queller, C. Rizzi, D. Gatti, R. Palumbo.

Nel 1999 gli sono stati assegnati, a riconoscimento della carriera Internazionale, il Premio "Galliano Masini" dalla città di Livorno e il prestigioso "GIGLI D'ORO" dall'Associazione "Beniamino Gigli" di Recanati (MC) e nel 2001 il premio della Regione Liguria per meriti artistici e nel 2003 la prima edizione del “Premio A. Pertile” di Asti e il prestigioso "Premio Cilea" di Reggio Calabria.".

---------------------------------------------------------

Fabio Armiliato is one of the most important Italian tenors of the last decade. He was born in Genova and studied at the Conservatorio Niccolò Paganini in Genova. He made his official debut in 1986 with Spontini‘s La Vestale at the TEATRO PERGOLESI at Jesi. After winning the first price at the Tito Schipa competition in Lecce, his international career developed rapidly and led him to the following opera houses: TEATRO DELL`OPERA DI ROMA: Ernani (title role), Tosca (Cavaradossi); TEATRO MASSIMO DI PALERMO: Cavalleria Rusticana (Turiddu); TEATRO CARLO FELICE GENOVA: Norma (Pollione); OPERNHAUS ZÜRICH: Un Ballo di Maschera (Riccardo); OPER FRANKFURT: La Boheme (Rodolfo); OPÈRA DE MONTPELLIER: Don Carlo (title role), Simon Boccanegra (Gabriele Adorno).
In 1993 he made his debut at the METROPOLITAN OPERA NEW YORK in Verdi‘s Il Trovatore (Manrico). He has since appeared at the Met for more than eight season and also been on tour in Japan: Aida (Radames), Cavalleria Rusticana (Turiddu), Simon Boccanegra (Gabriele Adorno), Don Carlo (Don Carlo), Fedora (Loris) with M. Freni. Other milestones in the past three years of Fabio Armilito‘s career were his debut as Faust in Boito‘s Mefistofele conducted by M° Riccardo Muti at the SCALA DI MILANO; Adriana Leucouvreur (Maurizio) and Tosca (Cavaradossi) at the TEATRO COLON BUENOS AIRES; Aida (Radames) and Il Trovatore (Manrico) at the SAN FRANCISCO OPERA; Tosca (Cavaradossi) with Daniela Dessi’ at the LYRIC OPERA OF CHICAGO, La Bohemé (Rodolfo) with Mirella Freni at the TEATRO REGIO DI PARMA; Un Ballo di Maschera (Riccardo) and Carmen (Don José) at the WIENER STAATSOPER, his concert debut at the ROYAL OPERA HOUSE COVENT GARDEN and his triumphal debut at Carnegie Hall in New York, in the title role of Donizetti's POLIUTO conducted by M° E. Queler. In 1999-2000 he returned to Buenos aires in unforgettable performances of MEFISTOFELE with Samuel Ramey and after he had another notable success at the MET in AIDA and CAVALLERIA; then another important debut: LA FANCIULLA DEL WEST (Dick Johnsson), in Nice and Montpellier, in a beautiful production by Giancarlo Del Monaco. After, he was ERNANI in Genoa and Vienna, the season ended with one of the most incredible success in Armiliato's career: ANDREA CHENIER in Nice with Daniela Dessì. Critics crowned him as "The best Chenier of our days (G.C. Landini - L'OPERA)"
In summer 2000 he sang AIDA at the ARENA di Verona and the following season starred with a standing ovation for his debut at the Washington Opera in IL TROVATORE conducted by Placido Domingo. After that, UN BALLO IN MASCHERA in Munchen, AIDA in Berlin and Bologna, and DON CARLO, TOSCA e AIDA at Wiener Staatsoper. Armiliato began the 2000-01 season with another role debut as Luigi in Puccini's IL TABARRO, followed again with ANDREA CHENIER in Seville, acclaimed by audience and critics. Then TOSCA in Hamburg, Paris and Lecce before returning to the MET as Pinkerton in MADAMA BUTTERFLY with Daniela Dessì : the radio broadcast of that performance has been considered the best of the season. Armiliato returned to LA SCALA as Pinkerton in a successful series of performances in MADAMA BUTTERFLY and with TOSCA in Arena di Verona (summer 2002) he consolidated his artistic collaboration with Daniela Dessì, which continued in the 2002-03 season with TOSCA in Moscow in a tournèe with "Teatro dell'Opera di Roma", MADAMA BUTTERFLY in Palermo and Ancona, ANDREA CHENIER in Venice and Turin, MANON LESCAUT in Seville,ADRIANA LECOUVREUR in Naples and AIDA at the Liceu in Barcelona. Fabio Armiliato’s upcoming schedule includes: MANON LESCAUT for Bilboa, FRANCESCA DA RIMINI for the opening of the Rome Opera’s 03-04 season, FANCIULLA DEL WEST for Palermo’s Massimo, TOSCA at the Real in Madrid, ANDREA CHENIER for Bologna, MANON LESCAUT in Palm Beach, SIMON BOCCANEGRA at Parma, MADAMA BUTTERFLY in a centennial celebration production in Brescia conducted by Placido Domingo, TOSCA at the Liceu, TURIDDU at the Met, VESPRI SICILIANI at Palermo, ANDREA CHENIER at Vienna, Bilboa and Palermo plus MANON LESCAUT in Vienna and Barcelona. Fabio Armiliato has already worked with several international conductors such as J. Levine, R. Muti, D. Gatti, M. Chung, N. Santi, D. Oren, M. Viotti, D. Renzetti, S. Young, C. Badea, C. Rizzi, E. Queler and D. Gatti. In 1999 he won two important acknowledgements for his international career: The "Galliano Masini" Prize by the city of Livorno and the prestigious "GIGLI D'ORO" by the "Accademia Beniamino Gigli" of Recanati (MC).

August 28, 2003


Repertorio

Aida (Giuseppe Verdi) : Radamès
28/1/2001 - 7/6/2001  Wiener Staatsoper
2/7/2000 - 26/8/2000  Arena di Verona
9/12/1999 - 19/6/2000  Deutsche Oper Berlin
8/10/1999 - 16/11/1999  New York, The Metropolitan Opera
4/7/1999 - 24/8/1999  Arena di Verona

Ballo in maschera, Un (Giuseppe Verdi) : Riccardo, conte di Warwick e governatore di Boston
22/1/2001 - 22/1/2001  Wiener Staatsoper

Cavalleria rusticana (Pietro Mascagni) : Turiddu
27/9/1999 - 0/0/0  New York, The Metropolitan Opera

Ernani (Giuseppe Verdi) :
11/3/2000 - 0/0/0  Genova, Teatro Carlo Felice

Ernani (Giuseppe Verdi) : Ernani
25/4/2001 - 25/4/2001  Zurich, Opernhaus Zürich

Fanciulla del West, La (Giacomo Puccini) : Dick Johnson/ Ramerrez
27/2/2000 - 0/0/0  Opéra de Nice
16/2/2000 - 18/2/2000  Les Opéras de Montpellier

Mefistofele (Arrigo Boito) : Faust
6/8/1999 - 12/8/1999  Buenos Aires, Teatro Colón
6/8/1999 - 12/8/1999  Buenos Aires, Teatro Colón

Tabarro, Il (Giacomo Puccini) : Luigi
21/9/2001 - 25/9/2001  Opéra de Nice

Tosca (Giacomo Puccini) : Mario Cavaradossi
10/8/2002 - 28/8/2002  Arena di Verona
11/1/2002 - 1/4/2002  L'Opéra National de Paris
26/10/2001 - 20/2/2002  Hamburgische Staatsoper
4/2/2001 - 13/4/2001  Wiener Staatsoper
13/11/2000 - 13/11/2000  Wiener Staatsoper
23/9/2000 - 26/9/2000  Opéra de Nice

Trovatore, Il (Giuseppe Verdi) : Manrico
2/11/2000 - 22/11/2000  Washington National Opera

Turandot (Giacomo Puccini) : Calaf
21/11/2002 - 24/11/2002  Wiener Staatsoper


Credits - Condizioni del servizio - Press Room - Pubblicità