Home Page
Consultazione
Ricerca per categorie
Ricerca opere
Ricerca produzioni
Ricerca allestimenti
Compagnia virtuale
Servizio
Informazioni e FAQ
Condizioni del servizio
Manuale on-line
Assistenza
Abbonamento
Registrazione
Listino dei servizi
Area pagamenti
Situazione contabile


Visualizzazione opere

Brautwahl, Die
(La sposa sorteggiata) Commedia musicale fantastica in tre atti e un epilogo libretto di Ferruccio Busoni, da E.T.A. Hoffmann
Musica di Ferruccio Busoni 1866-1924
Prima rappresentazione: Amburgo, Opernhaus, 12 aprile 1912

Personaggi
Vocalità
Albertine
Mezzosoprano
Bensch
Tenore
Dionysius Thusman
Tenore
Edmund Lehsen
Tenore
Leonhard
Baritono
Manasse
Basso
Voswindel
Baritono
Note
Busoni incominciò a pensare a un’opera ispirata al racconto Die Brautwahl di Ernst Theodor Amadeus Hoffmann verso la fine del 1905, pochi mesi dopo la stesura del Saggio di una nuova estetica della musica, nel quale egli afferma la propria inclinazione per un teatro di tipo fantastico e divertente, privo di implicazioni sentimentali e per questo adatto al carattere «sognante e trascendentale» della musica; la scelta del racconto di Hoffmann, oltre a essere la conseguenza di un’ammirazione per lo scrittore tedesco coltivata fin dall’infanzia, metteva in luce reciproche affinità e una comunione di ideali artistici. Hoffmann offriva infatti a Busoni un mondo in equilibrio tra realtà e invenzione fantastica, dove agiscono l’uno accanto all’altro quegli elementi simbolici, magici e grotteschi che egli allora cercava per dar vita a un teatro fatto di magia, di verità e finzione, di commedia e di satira. La realizzazione della Sposa sorteggiata occupò Busoni per più di sei anni (fino al 1911), la maggior parte dei quali dedicati alla composizione della musica: Busoni spazia su un ampio arco di soluzioni linguistiche, dalla semplicità delle ricorrenti citazioni rossiniane e mozartiane, alla mobilità di scrittura armonica, alla densità ora contrappuntistica ora cromatica delle scene magiche e notturne; il tutto fuso nelle campiture di un lavoro che conserva la classica struttura per pezzi chiusi. Nonostante il carattere in apparenza leggero e divertente, da commedia borghese punteggiata di satira di costume, La sposa sorteggiata ambisce così a un’ardua sintesi costruttiva, nella quale si compongano in unità di stile i molteplici piani narrativi desunti dal racconto hoffmanniano.
Fonte: Dizionario dell'Opera Baldini&Castoldi

Credits - Condizioni del servizio - Press Room - Pubblicità