Home Page
Consultazione
Ricerca per categorie
Ricerca opere
Ricerca produzioni
Ricerca allestimenti
Compagnia virtuale
Servizio
Informazioni e FAQ
Condizioni del servizio
Manuale on-line
Assistenza
Abbonamento
Registrazione
Listino dei servizi
Area pagamenti
Situazione contabile


Visualizzazione opere

Hippolyte et Aricie
Tragédie en musique in un prologo e cinque atti di Simon-Joseph de Pellegrin, da Phèdre di Jean Racine, Hippolytos di Euripide e Phaedra di Lucio Anneo Seneca
Musica di Jean-Philippe Rameau 1683-1764
Prima rappresentazione: Parigi, Opéra, 1 ottobre 1733

Personaggi
Vocalità
Amore
Soprano
Arcas
Tenore (haute-contre)
Aricie
Soprano
Diane
Soprano
Hippolyte
Tenore (haute-contre)
I Parca
Tenore (haute-contre)
II Parca
Tenore
III Parca
Basso
Jupiter
Basso
la gran sacerdotessa di Diana
Soprano
Mercure
Tenore
Neptune
Basso
Oenone
Soprano
Phèdre
Soprano
Pluton
Basso
Thésée
Basso
Tisiphone
Tenore (haute-contre)
un paggio d’Amore
Tenore (haute-contre)
una cacciatrice
Soprano
una marinara
Soprano
una pastorella
Soprano
una sacerdotessa
Soprano
Note
Al momento del debutto sulle scene parigine diHippolyte et Aricie, il suo primo lavoro operistico, Jean-Philippe Rameau aveva compiuto da pochi giorni cinquant’anni. La sua notorietà era legata, oltre che a un’apprezzatissima attività di organista, alle composizioni per clavicembalo e al grandeTraité de l’harmonie réduite à ses principes naturels(Trattato dell’armonia ridotta ai suoi principi naturali), pubblicato a Parigi nel 1722. Già da qualche anno, a dire il vero, Rameau desiderava accostarsi al genere operistico, ma i suoi tentativi per ottenere un libretto adatto erano falliti. Soltanto nel 1731 l’appaltatore generale La Pouplinière, dopo averlo assunto come direttore della sua prestigiosa orchestra privata, presentò Rameau a Voltaire, che gli fornì il libretto diSamson; ma, una volta terminata, quest’opera di soggetto biblico fu bloccata dalla censura e non poté essere rappresentata – e anche per questo, probabilmente, la musica scritta da Rameau perSamsonè andata perduta, anche se si ipotizza un suo parziale riutilizzo in opere successive. La Pouplinière pensò allora di rivolgersi all’abate Pellegrin, che scrisse il libretto diHippolyte et Aricie. L’impatto dell’opera sul pubblico e sulla critica fu enorme. Lo straordinario vigore drammatico della partitura e la complessità del linguaggio musicale creato da Rameau erano qualcosa di assolutamente inaudito; la musica possedeva una carica rivoluzionaria non inferiore a quella che, sul piano teorico, aveva caratterizzato ilTraité. Immediato fu il divampare delle polemiche: nacque così una delle più celebri e violentequerellesdella storia teatrale francese, quella tra i sostenitori di Rameau (ramistes) e i difensori della tradizione, rappresentata da Lully (i cosiddettilullistes), uno scontro destinato ad acuirsi ulteriormente con le successive opere di Rameau.

La vicenda è incentrata, più ancora che sul contrastato amore tra i due eroi eponimi, sulle figure tragiche di Thésée e Phèdre. Il re, temendo che i Pallantidi possano insidiargli il trono, costringe Aricie a consacrarsi a Diana; ma la principessa, che ama riamata Hippolyte, figlio di primo letto di Thésée, rifiuta di sottostare all’ordine che in tal senso le viene impartito dalla regina Phèdre: in sua difesa interviene Diana stessa, che l’ha posta sotto la sua protezione. Nel frattempo Thésée, che ha accompagnato l’amico Piritoo agli inferi in un fallito tentativo di rapire Proserpina, la sposa del dio dell’Ade Plutone, viene minacciato dal dio stesso; Mercurio accorre in aiuto del re e ne ottiene la libertà, ma le Parche predicono a Thésée che ritroverà l’inferno nella sua dimora. Phèdre, che crede morto il marito, offre infatti il trono al figliastro Hippolyte, da lei segretamente amato; ma il giovane rifiuta, dichiarando il suo amore per Aricie, e riesce a riprendere la spada che la furente regina gli aveva strappato. Proprio in quel momento sopraggiunge Thésée: la regina, sopraffatta dalla vergogna, si allontana, ma la sua confidente, Oenone, insinua che sia stato Hippolyte ad attentare all’onore della matrigna. Thésée assiste angosciato ai festeggiamenti per il suo ritorno e invoca la vendetta di Nettuno. Hippolyte, scacciato dal padre, ritorna nel bosco di Diana, dove è raggiunto da Aricie, a cui chiede di condividere il suo esilio. Le celebrazioni in onore di Diana sono bruscamente interrotte dall’apparizione di un terribile mostro, emerso dalle acque del mare: Hippolyte lo affronta coraggiosamente e scompare con lui fra le onde in tempesta. Sopraggiunge Phèdre: oppressa dal rimorso per quella che crede la morte del figliastro, prega gli dèi di serbarla in vita fino a che non avrà rivelato a Thésée l’innocenza di Hippolyte. Dopo che la regina si è tolta la vita Thésée, che ha appreso da lei la verità, sta per gettarsi in mare, ma viene fermato da Nettuno, che gli comunica che Hippolyte è stato salvato da Diana. Il re dovrà però espiare le sue colpe: non potrà mai più rivedere il figlio. Nell’ultima scena Diana presenta ad Aricie e agli altri sudditi l’arrivo del nuovo re: è Hippolyte, che può finalmente riunirsi all’amata.

ConHippolyte et AricieRameau seppe rinnovare profondamente il linguaggio dellatragédie lyrique, pur mantenendosi ancora all’interno della tradizione fissata da Lully. I maggiori fattori di novità risiedono nella varietà degli stili melodici, nell’abbondanza diensemblese cori e nella strabiliante ricchezza della scrittura orchestrale, che fanno di quest’opera uno dei massimi esiti del teatro musicale del Settecento.
Fonte: Dizionario dell'Opera Baldini&Castoldi


Credits - Condizioni del servizio - Press Room - Pubblicità