Home Page
Consultazione
Ricerca per categorie
Ricerca opere
Ricerca produzioni
Ricerca allestimenti
Compagnia virtuale
Servizio
Informazioni e FAQ
Condizioni del servizio
Manuale on-line
Assistenza
Abbonamento
Registrazione
Listino dei servizi
Area pagamenti
Situazione contabile


Visualizzazione opere

Hamlet
Opera in cinque atti di Jules Barbier e Michel Carré, da Shakespeare
Musica di Ambroise Thomas 1811-1896
Prima rappresentazione: Parigi, Opéra (Salle Le Peletier), 9 marzo 1868

Personaggi
Vocalità
Claudius
Basso
Gertrude
Mezzosoprano
Hamlet
Baritono
Horatio
Basso
I becchino
Tenore
II becchino
Basso
il Re di Danimarca
Basso
Laërte
Tenore
lo Spettro del defunto re
Basso
Marcellus
Tenore
Ophélie
Soprano
Polonius
Basso
Note
Giunta tre anni dopo l’interessante e non fortunatoAmletodi Franco Faccio, l’opera di Thomas fu uno dei suoi più franchi e duraturi successi. Un occhio a Gounod (FausteRoméo et Juliettesoprattutto), un altro alle novità di strumentazione berlioziane, ilgrand-opéracome punto di riferimento per i momenti cerimoniali e per il balletto:Hamletappare come un’abile miscela di elementi di diversa provenienza, approntata da un artefice peritissimo. Artefice che non trascurò di conferire alle linee vocali un’evidenza assai efficace, che permise ai divi Jean-Baptiste Faure (Hamlet) e Christina Nilsson (Ophélie) di trionfare. Anche la funzionalità del libretto fece la sua parte: la paralizzante evidenza del soggetto letterario fu affrontata dagli esperti Barbier e Carré secondo la disinvolta ricetta utilizzata per ilFaustgounodiano. Questo significò scansione drammaturgica basata sui momenti essenziali; attenzione particolare alla vicenda amorosa; corposo inserimento di elementi decorativi.

Claudio, salito al trono di Danimarca dopo la morte del fratello, sposa la sua vedova Gertrude. Laerte, partendo per la corte norvegese, affida la sorella Ofelia ad Amleto, di lei innamorato. Recatosi sugli spalti del castello di Elsinore, Amleto vede apparire lo spettro del padre, il defunto re, che chiede si vendichi l’omicidio compiuto da Claudio e il complice adulterio di Gertrude (“Je suis l’âme de ton père”). Ofelia, dubitando dell’amore di Amleto, incostante ed evasivo, vuole lasciare la corte; confida il suo progetto a Gertrude, che la convince a restare. Amleto invita un gruppo di comici alla reggia e brinda con loro (“O vin, dissipe la tristesse”); i comici, su suggerimento del principe, rappresentano la pantomima La morte di Gonzaga, che mette in scena le circostanze dell’assassinio del re. Claudio tradisce con il turbamento la propria colpevolezza e Amleto, fingendo un attacco di pazzia, lo offende strappandogli la corona. Tormentato da sentimenti contrastanti, Amleto scopre in Polonio un complice dell’omicidio paterno: respinge allora Ofelia, rinnegando il proprio amore; affronta poi, con violenza crescente, la madre, quando gli appare lo spettro che lo esorta a risparmiare Gertrude dalla vendetta. Frattanto Ofelia, impazzita per le ripulse di Amleto, si annega in un lago (“A vos yeux”). Giunto al cimitero di Elsinore, Amleto è preda dei rimorsi: sa di essere la causa della pazzia di Ofelia (“Comme une pâle fleur”). Sopraggiunge Laerte furente, che gli rivela la morte della ragazza e lo sfida a duello, mentre è in arrivo il corteo funebre; Amleto, ferito a morte, trova la forza di colpire Claudio, uccidendolo e compiendo, infine, la vendetta.

Frutto di un mestiere giunto all’apice della sua maturità,Hamletraduna un numero sostanzioso di momenti notevoli; tali sono la brillantechanson à boire“O vin, dissipe la tristesse” e il malinconico arioso “Comme une pâle fleur”, cantati da Amleto. Fama meritata ha arriso alla scena di pazzia di Ofelia “A vos yeux, mes amis... Partagez-vous mes fleurs”, che passa da cantilene patetiche a slanci di brillante, irresistibile virtuosismo, per chiudere poi in un’atmosfera irreale di grande effetto, con coro a bocca chiusa fuori scena (il tema del coro tornerà inAriane et Barbe-Bleuedi Dukas). Una menzione particolare spetta all’apparizione dello Spettro, che alterna, per dirla con Ernest Reyer, «frasi tenere e accenti di terrore, effetti imitativi nell’orchestra, progressioni armoniche, canto patetico e melopea lamentosa... Dalla prima nota all’ultima l’interesse e l’emozione dello spettatore non fanno che aumentare». Di incantevole vacuità, infine, la musica per il balletto ‘La fête du printemps’. Dopo la ‘prima’ trionfale,Hamletconobbe una lunga teoria di successi fino ai primi decenni del Novecento, aiutato in ciò dal favore accordatogli da cantanti celeberrimi, tra i quali Adelina Patti, Nellie Melba, Victor Maurel e Titta Ruffo, che ne diede una interpretazione entrata nella leggenda.
Fonte: Dizionario dell'Opera Baldini&Castoldi


Credits - Condizioni del servizio - Press Room - Pubblicità