Home Page
Consultazione
Ricerca per categorie
Ricerca opere
Ricerca produzioni
Ricerca allestimenti
Compagnia virtuale
Servizio
Informazioni e FAQ
Condizioni del servizio
Manuale on-line
Assistenza
Abbonamento
Registrazione
Listino dei servizi
Area pagamenti
Situazione contabile


Visualizzazione opere

Mosca, quartiere Cerëmuski
[Cerëmuski, Moska] Commedia musicale in tre atti e cinque scene di V. Mass e M. Cervinskij
Musica di Dmitrij Šostakovic 1906-1975
Prima rappresentazione: Mosca, Teatro dell’Operetta, 24 gennaio 1959

Personaggi
Vocalità
Barabashkin
Barburov
Boris
Bubyentsov
Drebyednyetsov
Lidochka
Lubimova
Mezzosoprano
Lusya
Masha
Sergei
Varochka
Note
Dopo la pesante censura ricevuta nel 1934 durante il periodo zdanoviano, in seguito alla messa in scena diUna Lady Macbeth del distretto di Mcensk, Sostakovic aveva abbandonato totalmente il teatro, dedicandosi alla produzione sinfonica e cameristica e alla musica da film. Alla morte di Stalin, l’avvento di Krushov alla guida del Partito comunista segna l’inizio di una nuova fase politica, che induce Sostakovic a riaffacciarsi molto timidamente all’opera. Vi ritorna infatti con il genere più leggero e ‘innocente’, l’operetta, quasi a volersi proteggere prudentemente dietro la maschera di un frivolo intrattenimento. In questo genere di teatro ‘minore’ era infatti ammessa dal regime una certa dose di satira sociale, che nel caso diCerëmuskiprende ad argomento un’eterna difficoltà della vita sovietica, quella di trovare casa.

I cinque quadri che formano l’opera (Non toccare, Scrivete l’indirizzo, Discesa dal cielo, Il campanello inquieto, Ore meravigliose), si soffermano sulle peripezie di una giovane coppia, formata da Masa e da Aleksandr, per entrare in possesso di un appartamento a Mosca, situato nel quartiere-dormitorio Cerëmuski, di nuova costruzione. Sposati da alcuni mesi, i due sono ancora costretti a incontrarsi in biblioteca o ai grandi magazzini; anche Boris, operaio alla metropolitana, coltiva la speranza di trovare finalmente una appartamentino: egli corteggia assiduamente Lidocka, una ragazza incontrata al Museo della Ricostruzione di Mosca. Per Masa e Aleksander non è semplice entrare nell’appartamento: a Cerëmuski si intrecciano le vicende degli inquilini, finché alla fine le cose si sistemano e tutti ottengono il sospirato nido d’amore, compresi Boris e Lidocka, che infine ha ceduto alla costanza dell’innamorato.

Sostakovic non fece violenza a se stesso scrivendo una musica di genere leggero (peraltro emulato negli stessi anni persino dall’autorevole segretario dell’Unione dei compositori Tikhon Khrennikov), in quanto non aveva mai nascosto il suo divertimento nel dialogare con la musica da ballo e il jazz. Ilmusicalamericano era stato anche occasione, negli anni Venti, per taluni lavori di minorie impegno, come laJazz suitee la trascrizione per orchestra della celebre canzoneTea for Two;Cerëmuskimescola infatti lo stile dell’operetta classica europea con ilmusicaldi Broadway. La musica che ne risulta, gradevole e brillante, tuttavia non è priva degli umori corrosivi e della tendenza al grottesco che sono caratteristici di Sostakovic. L’atteggiamento parodistico è rivolto persino contro se stesso, con un gioco ironico su temi tratti dai suoi stessi lavori degli anni Venti; una parte significativa è inoltre affidata alla musica popolare, con citazioni di canzoni tradizionali, in particolare nel duetto tra Boris e Lidocka all’inizio del secondo atto, così come dalla musica da ballo, a partire dal valzer che costituisce l’ouverture. Tra i numeri più celebri dei 39 che formano la partitura, ricordiamo l’indiavolata corsa in macchina verso Cerëmuski (‘Passeggiata per Mosca’), la sentimentale ‘Canzone di Cerëmuski’ intonata da Ljusja nel secondo quadro e l’intermezzo alla fine del secondo atto che mette in scena il grande desiderio di Boris, ovvero il sogno in cui egli riceve su un piatto d’oro, dagli altri inquilini, vestiti di bianco, le chiavi del sospirato appartamento.
Fonte: Dizionario dell'Opera Baldini&Castoldi


Credits - Condizioni del servizio - Press Room - Pubblicità