Home Page
Consultazione
Ricerca per categorie
Ricerca opere
Ricerca produzioni
Ricerca allestimenti
Compagnia virtuale
Servizio
Informazioni e FAQ
Condizioni del servizio
Manuale on-line
Assistenza
Abbonamento
Registrazione
Listino dei servizi
Area pagamenti
Situazione contabile


Visualizzazione opere

Goyescas
Opera in un atto e tre quadri di Fernando Periquet
Musica di Enrique Granados 1867-1916
Prima rappresentazione: New York, Metropolitan, 28 gennaio 1916

Personaggi
Vocalità
Fernando
Tenore
Paquiro
Baritono
Pepa
Mezzosoprano
Rosario
Soprano
Note
In occasione dei centocinquantanni dalla nascita di Francisco Goya (1897), Granados cominciò a interessarsi alle opere del pittore, ritrovandovi la sua stessa vena non tanto pessimistica – come è stato detto – quanto quella realistica, propria di uomini che vedono la verità della vita con occhi disincantati. Granados studiò con interesse – da buon disegnatore dilettante qual era – i ritratti dimajosemajas, i giovani di Madrid dipinti da Goya con quell’aria così fiera della propriahispanidad, e al tempo stesso si avvicinò alla cultura musicale spagnola del primo Settecento, interpretando al pianoforte leSonatedi Domenico Scarlatti (iberico d’adozione) e di altri clavicembalisti dell’epoca. Questo ritorno al passato traspare dallo stile compositivo che Granados sceglie di utilizzare nelleTonadillas, che rievocano sonorità settecentesche, e nelleGoyescas, la famosa suite pianistica composta fra il 1909 e il 1911. Qui si ritrova il medesimo gusto popolaresco di Goya e l’intenzione di raccontare una storia ambientata nell’epoca storica e culturale in cui visse il pittore. Ovviamente, le composizioni di Granados risentono dell’influenza dell’ambiente geografico in cui nascono; infatti, vi ritroviamo un costante sottofondo ritmico-armonico spagnoleggiante, da cui però emerge uno stile originale, che talvolta ci immerge in atmosfere tardoromantiche.

Nel 1914, eseguendo proprio leTonadillase leGoyescas, Granados ottenne dalla Francia la Legion d’onore e la commissione dell’Opéra per un’opera lirica tratta dalla suite. La vicenda era già abbozzata nel programma dei pezzi pianistici, e fu quindi facile realizzare un’opera che avrebbe fruito, fra l’altro, del loro stesso materiale musicale.

Goyescasè il dramma della gelosia: nella Madrid del XIX secolo, il torero Paquiro invita a ballare la nobildonna Rosario, che però ama Fernando. Questi si ingelosisce, così come la fidanzata di Paquiro, Pepa. Rosario non gradisce l’invito di Paquiro, ma ormai Fernando si ritiene offeso e in dovere di sfidare Paquiro a duello. Il capitano verrà battuto dal torero, e spirerà tra le braccia dell’amata Rosario.

Ogni situazione drammatica dell’opera ripropone uno dei brani della suite:Los requiebros(I complimenti galanti), di carattere fiero e deciso, diventa l’occasione in cui Paquiro omaggia Rosario;El fandango de candil(Il fandango della lanterna), che l’autore prescriveGallardo, apre la scena della taverna;La maja y el ruisenor(La maja e l’usignolo) è l’aria della malinconica Rosario, che teme per la vita di Fernando, il quale arriva subito dopo per cantare con lei il duetto amoroso tratto dalColoquio en la reja(Colloquio all’inferriata);El amor y la muerte(L’amore e la morte), momento di sanguigna e irruente passionalità, commenta il tragico finale. Una delle poche melodie composte appositamente per l’opera è quella affidata al violoncello nell’intermezzo tra il primo e il secondo quadro, scritta a un solo giorno dalla ‘prima’ per occupare un cambio di scena. Granados amava costruire opere in cui ogni scena è un quadro a sé, come aveva già dimostrato inMaria del Carmen(Madrid 1898), in cui le numerose sezioni sono collegate da recitativi, e un preludio introduce ciascuno dei tre atti; anche inPetrarca(1900, non rappr.) e inFollet(Barcellona 1903) si riscontra la medesima struttura compositiva. Ilsainete lirico Ovillejos, farsa popolaresca musicata da Granados nel 1897, rappresenta il primo tentativo di avvicinamento del compositore allo spirito della Spagna settecentesca, e da questazarzuelaegli trasse alcuni spunti melodici che inserì inGoyescas. La ‘prima’ diGoyescasera stata dunque programmata per l’Opéra di Parigi, ma l’esecuzione fu poi cancellata a causa dello scoppio della prima guerra mondiale, e si tenne quindi al Metropolitan. È questa l’unica opera di Granados che all’epoca acquistò popolarità anche al di fuori dei confini spagnoli; il compositore aveva conquistato il pubblico newyorkese e, felice, stava tornando in patria, quando la nave su cui viaggiava venne colpita e affondata da un sommergibile tedesco, ed egli perì nel naufragio.
Fonte: Dizionario dell'Opera Baldini&Castoldi


Credits - Condizioni del servizio - Press Room - Pubblicità