Home Page
Consultazione
Ricerca per categorie
Ricerca opere
Ricerca produzioni
Ricerca allestimenti
Compagnia virtuale
Servizio
Informazioni e FAQ
Condizioni del servizio
Manuale on-line
Assistenza
Abbonamento
Registrazione
Listino dei servizi
Area pagamenti
Situazione contabile


Visualizzazione opere

Mireille
Opera in cinque atti di Michel Carré, dal poema Miréio di Fréderic Mistral
Musica di Charles Gounod 1818-1893
Prima rappresentazione: Parigi, Théâtre Lyrique, 19 marzo 1864

Personaggi
Vocalità
Ambroise
Basso
Clemence
Soprano
le Passeur
Basso
Mireille
Soprano
Ourrias
Baritono
Ramon
Basso
Taven
Mezzosoprano
un pastore
Soprano
Vincenette
Soprano
Vincent
Tenore
Note
Vittima di un destino singolare, Gounod vide spesso le sue opere risorgere trionfalmente dalle ceneri di debutti infelici. Non fa eccezioneMireille, uno dei suoi titoli più diffusi e celebrati. Alla ‘prima’ parigina molte cose non andarono per il verso giusto: il pubblico reagì male alla tragica conclusione di un’opera che sembrava promettere dopo la gaia spensieratezza dell’inizio un gradevole lieto fine; risate incontenibili accolsero il quadro demoniaco del Rodano, pessimamente realizzato. La critica sentenziò parlando di wagnerismo, fiacchezza e mancanza di colore locale. Eppure Gounod credeva moltissimo nella sua nuova creatura: il poema ispiratore, col suo recupero del provenzale e l’idillio amoroso, fuso con elementi leggendari e soprannaturali, era quanto di meglio potesse accendere la sua fantasia. Preso da quell’entusiasmo febbrile che lo possedeva durante la composizione delle sue opere migliori, Gounod era stato ospite di Mistral, in Provenza, per due mesi, onde meglio cogliere le suggestioni ambientali. Quanto al libretto di Carré, pur risultando irrimediabilmente perduta l’arcana e malinconica dolcezza della lingua ‘riscoperta’ di Mistral, era in ogni caso un testo dignitoso, fedele e funzionale.

Stuzzicata dalle amiche, Mireille ammette con candore il proprio affetto per Vincent. A nulla valgono gli ammonimenti della vecchia maga Taven sui pericoli dell’amore; le giovani si abbandonano a canti spensierati. Giunge Vincent, che dichiara a Mireille il suo profondo sentimento; i due si promettono, qualora la sventura li dovesse separare, di ritrovarsi presso la chiesa di Ste-Marie. Durante una festa paesana Mireille e Vincent intonano lachanson de Magalie si rinnovano la promessa di reciproco amore. A turbare la serenità del loro idillio è Ourrias, ricco pretendente della ragazza che può contare sul consenso del padre di lei,maîtreRamon. Mireille difende disperatamente il proprio sentimento ma Ramon è inflessibile: Vincent non fa per lei, sposi chi le è destinato. Ourrias si reca alla Val d’Enfer per incontrare Taven; spera di ottenere una pozione che faccia innamorare Mireille. Giunge anche Vincent, disperato di dover perdere l’amata e anch’egli in cerca dell’aiuto della maga; Ourrias affronta il rivale, lo ferisce a tradimento e fugge. Il giovane è soccorso da Taven, che maledice l’aggressore. Ourrias, perseguitato dal rimorso, giunge nei pressi del Rodano, dove si agitano gli spiriti delle suicide per amore. Volendo passare all’altra riva, chiede aiuto a un sinistro traghettatore la cui imbarcazione sprofonda tra i flutti. Nella fattoria di Ramon si festeggia Saint Jean; il canto di un giovane pastore rattrista Mireille, che ne invidia la vita libera e serena. Sopraggiunge Vincenette, la sorella minore di Vincent che le racconta come il fratello sia stato ferito da Ourrias. Davanti all’agitazione di Mireille tenta di calmarla: non c’è da preoccuparsi, Taven lo ha curato e si ristabilirà presto. Le parole della giovane non tranquilizzano Mireille, che ha cattivi presagi e decide di partire alla volta della chiesa di Ste-Marie. Mentre sta attraversando il deserto della Crau, stremata dal sole battente, Mireille è preda di miraggi e svenimenti ma, spinta dall’amore, prosegue la sua marcia disperata. Quando giunge alla chiesa trova Vincent e suo padre che, pentito, le promette la mano dell’amato. È tardi: mentre una voce dall’alto la chiama in cielo, ella spira tra le braccia dei suoi cari.

Considerata unanimemente come uno dei vertici dell’arte di Gounod, insieme conFausteRoméo et Juliette,Mireillecondivide con gran parte della sua produzione teatrale una storia travagliata di successivi rifacimenti. Il primo dei quali per una ripresa al Théâtre Lyrique di Parigi, il 15 dicembre 1864, appena sei mesi dopo il debutto. Radicali i cambiamenti: riduzione degli atti da cinque a tre, soppresso l’atto soprannaturale, abbreviato il quarto atto, aggiunta nel primo la virtuosistica “O légère hirondelle”valse ariettedi Mireille e, soprattutto, modificata la conclusione con un edificante lieto fine a base di protagonista risanata e matrimonio successivo. Due riprese si ebbero all’Opéra-Comique, e due nuove versioni: in cinque atti nel 1874, in tre atti nel 1889 (non autorizzata dall’autore). Dopo la morte di Gounod altre due versioni in cinque atti, sempre all’Opéra-Comique, nel 1901 e nel ’39. Quest’ultima, riveduta da Reynaldo Hahn e Henri Busser, ritorna alla redazione originale con l’aggiunta di alcuni recitativi lasciati manoscritti dal compositore, ed è quella rimasta in repertorio. Opera di sorprendente ricchezza e continuità inventiva,Mireilleesibisce le qualità migliori di Gounod: vena melodica straripante, armonizzazione raffinata, chiarezza formale, sapiente scrittura vocale e, per ogni dove, unocharmevago e irresistibile. Difficile segnalare le pagine più significative di un’opera che di momenti notevoli è ricca a ogni passo e che spesso conosce l’incanto di piccole, preziose accensioni. In una rapida rassegna non si potranno tacere le arie della protagonista (“Mon coeur ne peut changer” e “Voici la vaste plaine”), vale a dire la grande scena del deserto della Crau. Due momenti di così travolgente intensità da temere ben pochi confronti nell’ambito del melodramma ottocentesco. Né si deve dimenticare la disarmante malinconia della preghiera al padre (“Hélas, a vos pieds me voilà”), cantata da Mireille nel finale secondo, o ancora la popolareggiantechanson de Magaliintonata in duo con Vincent durante la festa. Vincent, dal canto suo, è gratificato di un’aria splendida per purezza melodica e nobiltà di linea: è la celebre “Anges du paradis”, toccante invocazione al cielo affinché protegga Mireille. A Ourrias sono riservati i tratti un poco convenzionali delvilain, ma notevole è quantomeno la scena (“Ah, qu’ai je fait”) che descrive il suo fugace pentimento dopo il ferimento del rivale. Così come rapinoso, nella sua atmosfera sinistra, è il seguito con gli interventi corali delle suicide per amore e il fatale incontro con il traghettatore diabolico: scena tra le eminenti del sovrannaturale operistico ottocentesco. Ancora un accenno merita la maliziosachansondi Taven “Voici la saison” dai tratti garbatamente arcaici e per i cori “Chantez, chantez, Magnanarelles” e “La Farandole”, ricchi di unalluretipicamente gounodiano. Singolare notare che tra i brani dell’opera, il maggior successo sia arriso a “O légère hirondelle”, aggiunta, come s’è visto, per la ripresa al Théâtre Lyrique del dicembre 1864; un brano grazioso, ma un poco fatuo e superficiale. Rimasta più o meno stabilmente in repertorio (soprattutto in Francia, a onor del vero),Mireillesta attraversando un periodo di relativa eclissi cui non dev’essere estranea la difficoltà nel reperire un’interprete adeguata per la parte della protagonista, ruolo tra i più impervi e faticosi dell’Ottocento operistico.
Fonte: Dizionario dell'Opera Baldini&Castoldi


Credits - Condizioni del servizio - Press Room - Pubblicità