Home Page
Consultazione
Ricerca per categorie
Ricerca opere
Ricerca produzioni
Ricerca allestimenti
Compagnia virtuale
Servizio
Informazioni e FAQ
Condizioni del servizio
Manuale on-line
Assistenza
Abbonamento
Registrazione
Listino dei servizi
Area pagamenti
Situazione contabile


Visualizzazione opere

Arlesiana, L’
Dramma lirico in tre atti di Leopoldo Marenco, dal dramma omonimo di Alphonse Daudet
Musica di Francesco Cilea 1866-1950
Prima rappresentazione: Milano, Teatro Lirico, 27 novembre 1897

Personaggi
Vocalità
Baldassarre
Baritono
Federico
Tenore
l’innocente
Mezzosoprano
Marco
Basso
Metifio
Baritono
Rosa Mamai
Mezzosoprano
Vivetta
Soprano
Note
Dopo il successo diTilda(1892), Cilea accettò con entusiasmo l’idea di musicareL’Arlésiennedi Daudet che, pur essendo un soggetto scomodo (per via dell’indiretto confronto con Bizet che nel 1872 aveva composto le musiche di scena per il dramma originale), gli offriva l’opportunità di affrancarsi dalle tematiche più dichiaratamente veriste rispetto alle quali si sentiva estraneo. L’opera andò in scena al Teatro Lirico, che nel 1894 era stato acquistato dall’editore Sonzogno, ed ebbe dapprima un esito incerto a causa di interpreti femminili mediocri. Drammaticamente efficace e impeccabile sotto il profilo vocale si rivelò invece la prova di Enrico Caruso (allora ventiquattrenne e agli esordi) nella parte di Federico, che fissò in modo pressoché esemplare i caratteri vocali ed espressivi del protagonista (rimase celebre la sua aria “È la solita storia del pastore”, il cosiddetto ‘Lamento di Federico’). L’opera tratta dell’ossessione amorosa di Federico per una fanciulla di Arles che, pur non comparendo mai in scena (pare che Cilea tenesse molto a questa particolarità riuscendo a imporsi su Sonzogno, che avrebbe preferito un’impostazione più tradizionale) domina letteralmente l’intera vicenda.

Federico è dunque innamorato di una giovane di Arles che ha deciso di sposare. Ma un giorno giunge Metifio che, esibendo delle lettere d’amore della fanciulla a lui indirizzate, rivendica il proprio diritto a ottenerne la mano. Le nozze sfumano e Federico precipita nella più cupa disperazione. Vivetta, una fanciulla innamorata di Federico, sostenuta dalla madre del giovane, Rosa, si adopera per suscitare in lui una nuova passione. Infine Federico si piega alle profferte della fanciulla e accetta di sposarla. Ma il giorno stesso della cerimonia, quando anche Federico si è illuso di essersi per sempre liberato della sua insana passione, riappare Metifio che con poche frasi suscita la gelosia del giovane che, disperato, si uccide gettandosi da una finestra.

L’impostazione originale, lo stile piano e quasi colloquiale del libretto diedero a Cilea la possibilita di manifestare quell’eloquio raccolto e commosso, espresso con una vocalità intensa, che è la sua caratteristica inconfondibile, ma che rappresentò inizialmente un ostacolo alla comprensione della sua poetica, così diversa da quella degli altri autori della cosiddetta ‘Giovane Scuola’. In questo, più che in una presunta carenza della partitura originaria o nell’esito della ‘prima’, andranno ricercati i motivi dell’iniziale freddezza di Sonzogno nei confronti dell’Arlesiana. Solo la nuova rappresentazione dell’opera (Milano, 22 ottobre 1898), riveduta ed emendata di alcune lungaggini, nonché il successivo, trionfale esito diAdriana Lecouvreur, ebbero da allora ragione di ogni dissenso. Negli anni tra le due guerre, grazie soprattutto a due interpreti come Gigli e Schipa,L’Arlesianaconobbe una sensibile affermazione, anche se oggi non rientra nel novero delle opere veriste più spesso rappresentate.
Fonte: Dizionario dell'Opera Baldini&Castoldi


Credits - Condizioni del servizio - Press Room - Pubblicità