Home Page
Consultazione
Ricerca per categorie
Ricerca opere
Ricerca produzioni
Ricerca allestimenti
Compagnia virtuale
Servizio
Informazioni e FAQ
Condizioni del servizio
Manuale on-line
Assistenza
Abbonamento
Registrazione
Listino dei servizi
Area pagamenti
Situazione contabile


Visualizzazione opere

Boatswain’s Mate, The
Commedia in un atto e due parti proprio, dal racconto All Captains di William Wymark Jacob
Musica di Ethel Smyth 1858-1944
Prima rappresentazione: Londra, Shaftesbury Theatre, 28 gennaio 1916

Personaggi
Vocalità
Harry Benn
Tenore
Mrs. Waters
Soprano
Ned Travers
Baritono
un poliziotto
Basso
Note
Questa commedia rappresenta il quarto dei sei titoli teatrali di Ethel Smyth, nonché il primo a esser stato rappresentato in Inghilterra. Le sue prime tre opere –Fantasio(Weimar 1898)Der Wald(Berlino 1902) e ?The Wreckers– nelle quali si manifestano influssi wagneriani, furono infatti rappresentate in Germania, dove la compositrice inglese aveva a lungo soggiornato, assimilando la lezione del tardo romanticismo tedesco. Studiò a Lipsia e fu allieva privata di H. von Herzongenberg; nella sua casa ebbe tra l’altro occasione di conoscere Brahms.The Boatswain’s Mateè invece il frutto del tentativo di dar vita a un’opera quanto più possibile di impronta tipicamente inglese, sia nel soggetto sia nel linguaggio musicale; con quest’ultimo ella intendeva rievocare lo spirito dell’anticaballad opera.

Harry Benn è un ex nostromo dai modi bruschi e dal pessimo carattere. Una sera, mentre è seduto presso la locanda ‘Beehive’, decide di convincere la padrona a sposarlo. Lo stratagemma da lui architettato per ottenere il suo scopo consiste nel far introdurre Ned Travers nella locanda come se fosse un ladro, in modo che Mrs. Waters, spaventata, corra a chiedere aiuto. In quel modo Harry Benn potrà vestire i panni dell’eroe salvando la padrona della locanda dalle grinfie dell’intruso. Ma le cose non vanno nel modo sperato. Dopo essere riuscito a convincere Travers, Harry Benn lo accompagna alla locanda. Il falso ladro penetra nella cucina in modo da farsi sentire, ma la signora Waters non si intimorisce per nulla; imbraccia la doppietta e sorprende Travers, che cerca rifugio in una camera chiudendosi a chiave. Durante la notte l’equivoco si risolve tra dialoghi comici e colpi di scena: Travers riesce infatti a conquistare le simpatie di Mrs. Waters, mentre Harry Benn rimane beffato dal fallimento del piano che maldestramente aveva escogitato.

La commedia ebbe un esito favorevole e suscitò a suo tempo un certo interesse per l’abilità dell’autrice nell’aver saputo maturare un linguaggio in cui gli stilemi postwagneriani, che caratterizzavano le sue prime tre prove teatrali, si risolvevano in uno stile più fresco e originale. La nuova maniera risentiva dell’influsso, tipicamente inglese, della tradizione dellacomic opera. A differenza di quanto avviene di norma in questo genere operistico, tuttavia, i dialoghi parlati che lo contraddistinguono qui sono almeno in parte messi in musica, secondo un’innovazione che verrà ripresa ed estesa sistematicamente da Benjamin Britten nel suo ?Albert Herring.La caratterizzazione dei personaggi diBoatswain’s Materisulta penetrante ed efficace; altresì da ricordare sono i chiari riferimenti della trama all’attualità politica di allora, ossia alla lotta per i diritti della donna: la Smyth fu infatti un’attiva sostenitrice del movimento inglese per l’emancipazione femminile.
Fonte: Dizionario dell'Opera Baldini&Castoldi


Credits - Condizioni del servizio - Press Room - Pubblicità