Home Page
Consultazione
Ricerca per categorie
Ricerca opere
Ricerca produzioni
Ricerca allestimenti
Compagnia virtuale
Servizio
Informazioni e FAQ
Condizioni del servizio
Manuale on-line
Assistenza
Abbonamento
Registrazione
Listino dei servizi
Area pagamenti
Situazione contabile


Visualizzazione opere

Belisario
Tragedia lirica in tre parti di Salvatore Cammarano, dall’adattamento di Luigi Marchionni del dramma Belisarius di Eduard von Schenk
Musica di Gaetano Donizetti 1797-1848
Prima rappresentazione: Venezia, Teatro La Fenice, 4 febbraio 1836

Personaggi
Vocalità
Alamiro
Tenore
Antonina
Soprano
Belisario
Baritono
Eudora
Soprano
Eusebio
Basso
Eutropio
Tenore
Giustiniano
Basso
Irene
Mezzosoprano
Ottario
Tenore
Note
La stesura dell’opera, iniziata alla fine di ottobre del 1835 a Napoli, si concluse a Venezia, pochi giorni prima della rappresentazione. Il 6 gennaio 1836, accingendosi a dare inizio alle prove, Donizetti aveva quasi ultimata la partitura; in seguito avrebbe adattato alcune parti alle peculiarità vocali di interpreti con i quali non aveva mai lavorato (Caroline Ungher nel ruolo di Antonina, Celestino Salvatori nella parte del protagonista e Antonietta Vial in quella di Irene), e che la sera della ‘prima’ furono accolti con grande favore.

Belisario rientra trionfalmente dalla gloriosa campagna d’Italia ma la moglie Antonina, che lo ritiene responsabile della morte del figlio Alessi, decide, con l’aiuto di Eutropio, di far pervenire a Giustianiano una falsa lettera che l’accusa di alto tradimento. Intanto Belisario, alla presenza di Giustianiano fa grazia ai prigionieri ma uno di essi, Alamiro, rifiuta la libertà offrendosi di servirlo. Nel momento in cui il generale rivede i suoi familiari giunge la notizia della convocazione di fronte all’imperatore e al senato: giudicato colpevole, Belisario è imprigionato e accecato. Mentre Alamiro piange la sorte del suo signore, Irene accompagna il padre in esilio. Sentendo approssimarsi un esercito nemico i due si nascondono: è Alamiro che, alleatosi con Ottario, ha deciso di muovere guerra a Giustiniano. Belisario, sdegnato, si rivela e durante un drammatico dialogo Irene riconosce nel giovane il fratello Alessi, creduto morto. Ricongiunto ai due figli, Belisario organizza la difesa dei Greci. Intanto Antonina, distrutta dal rimorso, rivela la congiura all’inorridito Giustiniano. Sopraggiunge Irene e racconta che, grazie al padre, i Greci, inizialmente in difficoltà, sono riusciti ad avere la meglio sulle truppe di Ottario. La gioia è bruscamente interrotta dall’arrivo di Belisario, ormai colpito a morte; egli raccomanda i propri figli all’imperatore e, prima di aver potuto rivolgere la parola alla moglie Antonina, che chiede pietà e perdono, muore tra la commozione dei presenti.

L’opera è la prima tra quelle serie scritte da Donizetti per Venezia, città nella quale il musicista aveva mosso i primi passi della sua carriera. Il libretto, scritto nel 1832, è un lavoro ancora immaturo e di una frammentarietà di cui Donizetti riuscì solo in parte ad avere ragione. Il soggetto inaugura peraltro una maniera nuova nell’opera del musicista bergamasco, poiché concentra l’attenzione sul protagonista maschile, un baritono, rinunciando al tradizionale motivo amoroso e romantico imperniato classicamente sul ruolo femminile e anticipando così queltoposdel rapporto padre-figlia che sarà in seguito ampiamente sviluppato da Verdi (duetto “Ah se potessi piangere”). Il notevole risalto conferito al protagonista rende per contro meno approfondita la definizione degli altri personaggi e in particolare di Antonina, la protagonista femminile, alla quale il librettista ha conferito tratti negativi abbastanza convenzionali. Rimarchevole è pero l’abilità di Donizetti nel restituire la drammaticità di una situazione con pochi tratti e di eludere, per specifiche esigenze drammatiche, la tradizionale soluzione di continuità tra la prima parte del duetto e l’episodio successivo (il cosiddetto ‘tempo di mezzo’ durante il quale l’azione riprende a fluire incalzante), rendendo in tal modo più naturale l’attacco della cabaletta finale (duetto “Quando di sangue tinto”).
Fonte: Dizionario dell'Opera Baldini&Castoldi


Credits - Condizioni del servizio - Press Room - Pubblicità