Home Page
Consultazione
Ricerca per categorie
Ricerca opere
Ricerca produzioni
Ricerca allestimenti
Compagnia virtuale
Servizio
Informazioni e FAQ
Condizioni del servizio
Manuale on-line
Assistenza
Abbonamento
Registrazione
Listino dei servizi
Area pagamenti
Situazione contabile


Visualizzazione opere

Chatterton
Dramma in quattro atti proprio, dal dramma omonimo di Alfred de Vigny
Musica di Ruggero Leoncavallo 1858-1919
Prima rappresentazione: Roma, Teatro Drammatico Nazionale, 10 marzo 1896

Personaggi
Vocalità
Caterina Bell
Soprano
Chatterton
Tenore
Giorgio
Baritono
Giovanni Bell
Basso
Lord Beckford
Basso
Lord Talbot
Contralto
Skirner
Basso
Note
È la prima opera scritta da Leoncavallo, e restò nei cassetti dell’autore per circa venti anni; il libretto porta la data 1877.

Londra, XVII secolo. Il giovane poeta Chatterton, rimasto orfano e caduto in povertà, è ospitato da un ricco londinese, Giovanni Bell, nella soffitta di una casa di periferia, dove questi vive con la moglie Caterina e lo zio Giorgio. La condizione miserrima dell’esistenza si ripercuote sul carattere e l’umore del giovane poeta, al quale l’unico conforto viene da Caterina. Quando Giovanni riceve certi nobili londinesi, alcuni di loro gli rivelano la vera identità e il passato di Chatterton, di cui non mancano di prendersi gioco, per l’occasione delle circostanze. L’usuraio Skirner, che un tempo prestò denari a Chatterton, ora li vuole indietro. Messo di fronte alla propria miseria, il giovane poeta si impegna a onorare la parola data, compensando il creditore con il proprio cadavere. Interviene Beckford che aggiungendo disonore a disonore gli offre un lavoro: sarà cameriere. Di fonte a tanto crudele sorte il delicato e sognante animo di Chatterton cede e pensa al suicidio, che presto mette in atto con l’oppio. Caterina, che non ha mai smesso di confortare Chatterton, interviene ma non riesce a salvarlo, e lo segue nel suo destino.

Chattertonè considerato il capolavoro teatrale di Alfred de Vigny, che lo trasse da una delle novelle diStello. Il libretto di Leoncavallo esaspera ulteriormente il nucleo drammatico del testo, ovvero il dissidio tra un mondo ideale e di sogno e le meschinità della vita quotidiana. Il lungo periodo di incubazione, la sua storia di inedito e la caparbietà nel voler far rappresentare l’opera, testimoniano quanto Leoncavallo tenesse al suo testo, la cui messa in musica si dedica alla sottolineatura dei conflitti e delle crudeltà umane – linea che troverà effetto nella sua opera maggiore – con esiti alterni, e non esenti da toni enfatici.
Fonte: Dizionario dell'Opera Baldini&Castoldi


Credits - Condizioni del servizio - Press Room - Pubblicità