Home Page
Consultazione
Ricerca per categorie
Ricerca opere
Ricerca produzioni
Ricerca allestimenti
Compagnia virtuale
Servizio
Informazioni e FAQ
Condizioni del servizio
Manuale on-line
Assistenza
Abbonamento
Registrazione
Listino dei servizi
Area pagamenti
Situazione contabile


Visualizzazione opere

Don Rodrigo
Opera in tre atti e nove scene di Alejandro Casona
Musica di Alberto Ginastera 1916-1983
Prima rappresentazione: Buenos Aires, Teatro Colón, 24 luglio 1964

Personaggi
Vocalità
Don Julian
Baritono
Don Rodrigo
Tenore
Florinda
Soprano
Fortuna
Mezzosoprano
I damigella
Soprano
I fabbro
Tenore
I messaggero
Tenore
I paggio
Tenore
II damigella
Mezzosoprano
II fabbro
Baritono
II messaggero
Baritono
II paggio
Baritono
il vescovo
Baritono
la voce del sogno
Basso
l’eremita
Baritono
Rapaz
Soprano
Teudiselo
Basso
un giovane messaggero
Contralto
Zagala
Soprano
Note
Fu questo il primo successo teatrale del compositore argentino, che si impose negli anni Sessanta con una serie di titoli che denotano scelte drammaturgiche disinvolte nel coniugare la tradizione melodrammatica a istanze compositive più aggiornate.

Atto primo. Nel secolo VIII, subito prima dell’invasione araba della Spagna. L’antico regno di Spagna è finalmente riunificato dal giovane Rodrigo, che entra trionfalmente a Toledo, dove è incoronato re. Florinda prega il padre Don Julian, fedele governatore delle provincie africane, di permetterle di rimanere in Spagna. Don Rodrigo promette all’amico di proteggerla come fosse sua figlia. Divenuto sovrano, il focoso giovane viola con imprudenza il cofanetto che custodisce un segreto atavico; apprende così una profezia che egli sarà l’ultimo re, e la libertà della Spagna distrutta.

Atto secondo. La bella Florinda viene sorpresa da Rodrigo mentre si bagna nuda con le ancelle: colto da un accesso di passione irragionevole, nella notte il re viola l’onore della fanciulla (“Florinda, nunca una noche fue tan esperada”). Perduto in poco tempo anche l’amante, Florinda scrive al padre invocando vendetta.

Atto terzo. Don Julian, finora baluardo del regno contro gli arabi, è accecato dall’ira, e volge le sue forze con impeto selvaggio contro la Spagna, mettendo in rotta l’esercito di Rodrigo con un’immane carneficina. Ferito e disperato, Rodrigo erra per plaghe desolate, pentito del male arrecato alla nazione a causa della sua proterva arroganza. Ma Florinda finalmente lo ritrova, per offrirgli il suo amore nella disgrazia e per incitarlo a far rinascere la Spagna (“Allá en las verdes Asturias”).

È inutile cercare qualche traccia di ironia nella partitura delDon Rodrigo, nemmeno quando Florinda canta una sorta di canzone gitana (“A la sombra de la oliva”) o quando nel finale alla ‘poveri ma belli’ le campane benedicono la fiammella di speranza accesa nel cuore dei due giovani. Lo schema drammaturgico è da melodramma del grande Ottocento: i cori esultano per Rodrigo vincitore, la figura di Florinda possiede tratti che paiono il risultato di un singolare impasto tra i più disparati caratteri verdiani. Ginastera è tuttavia compositore di razza e l’opera, anche se ovviamente rimane ben al di sotto dei suoi pretesi modelli, non è priva di momenti efficaci, tra cui in primo luogo il grande duetto d’amore del secondo atto tra Florinda e Rodrigo, interpretato in occasione della ‘prima’ di New York da un giovane e ardente Placido Domingo.
Fonte: Dizionario dell'Opera Baldini&Castoldi


Credits - Condizioni del servizio - Press Room - Pubblicità