Home Page
Consultazione
Ricerca per categorie
Ricerca opere
Ricerca produzioni
Ricerca allestimenti
Compagnia virtuale
Servizio
Informazioni e FAQ
Condizioni del servizio
Manuale on-line
Assistenza
Abbonamento
Registrazione
Listino dei servizi
Area pagamenti
Situazione contabile


Visualizzazione opere

Déjanire
Tragédie lyrique in quattro atti proprio e di Louis Gallet
Musica di Camille Saint-Saëns 1835-1921
Prima rappresentazione: Montecarlo, Opéra, 14 marzo 1911

Personaggi
Vocalità
Déjanire
Soprano
Hercule
Tenore
Iole
Soprano
Phénice
Contralto
Philoctète
Baritono
Note
A tredici anni di distanza dalle musiche di scena composte per la tragedia omonima di Louis Gallet (Arènes de Béziers, 1898), Saint-Saëns tornò sul medesimo soggetto e, ora in veste operistica, fece rappresentareDéjanire. L’esito fu felicissimo per questo «chef-d’oeuvre de grandeur, de noblesse, de pureté idéale et classique», e segnò un momento significativo nel personale vagheggiamento del passato del compositore parigino. Giovandosi dell’aiuto dello stesso tragediografo, Saint-Saëns rielaborò il testo teatrale ispirato aLe Trachiniedi Sofocle nonché all’Ercole etèosenechiano, dandogli un’impostazione oratoriale, memore dell’esperienza diSamson et Dalila.

Hercule, dopo aver ucciso Eurytos re d’Ecalia e saccheggiato la città, vuole sposare Iole, la figlia del re di cui è invaghito. Il compito di informare la principessa del volere dell’eroe spetta all’amico Philoctète, amante corrisposto di Iole. Toccherà invece a Phénice convincere Déjanire, sposa di Hercule, ad allontanarsi per sempre dal marito. Déjanire, sebbene disperata, non si arrende; dapprima tenta invano di rinconquistare lo sposo, indi decide di vendicarsi aiutando la sventurata Iole che, dopo aver confessato a Hercule il legame con Philoctète, è costretta al matrimonio con l’eroe, onde salvare la vita dell’amato. Strumento della vendetta di Déjanire sarà la tunica avuta un tempo dal centauro Nessus, una tunica magica (a quanto le fu detto) che ha il potere di far ritornare gli infedeli. Donata da Iole a Hercule il giorno del matrimonio, la tunica si rivela però una trappola mortale, che indossata strazia, ardendole, le membra di Hercule, il quale si uccide gettandosi nel rogo nuziale per ascendere quindi all’Olimpo.

Caratterizzata da un arcaizzantedépouillementdei mezzi espressivi, percorsa da un modalismo elegante sia negli interventi corali sia nella vocalità delle parti solistiche (assai impervia quella di Hercule), nonché ispirata a situazioni e atmosfere datragédiesettencentesca,Déjanireconclude, dopo i poemi sinfoniciLe Rouet d’Omphale(1872) eLa Jeunesse d’Hercule(1877), non solo una sorta di trilogia dedicata da Saint-Saëns alla figura del figlio di Alcmena, ma anche la sua quarantennale carriera di operista.
Fonte: Dizionario dell'Opera Baldini&Castoldi


Credits - Condizioni del servizio - Press Room - Pubblicità