Home Page
Consultazione
Ricerca per categorie
Ricerca opere
Ricerca produzioni
Ricerca allestimenti
Compagnia virtuale
Servizio
Informazioni e FAQ
Condizioni del servizio
Manuale on-line
Assistenza
Abbonamento
Registrazione
Listino dei servizi
Area pagamenti
Situazione contabile


Visualizzazione opere

Gianni di Parigi
Melodramma in due atti di Felice Romani
Musica di Gaetano Donizetti 1797-1848
Prima rappresentazione: Milano, Teatro alla Scala, 10 settembre 1839

Personaggi
Vocalità
Gianni di Parigi
Tenore
il gran siniscalco della principessa
Basso
la principessa di Navarra
Soprano
Lorezza
Mezzosoprano
Oliviero
Contralto
Pedrigo
Basso
Note
Per ilGianni di ParigiDonizetti utilizzò il libretto che Felice Romani aveva scritto per l’opera omonima di Morlacchi, andata in scena alla Scala nel 1818. Il tema deriva dalJean de Parisdi Claude Godard d’Aucourt de Saint-Just rappresentato a Parigi nel 1812 con la musica di François-Adrien Boïeldieu. Le differenze fra l’originale di Romani e il testo definitivo sono, presumibilmente, di mano dello stesso compositore. Secondo gli studi del musicologo Anders Wiklund, Donizetti composeGianni di Parigitra il 1828 e il ’30 per uno dei teatri napoletani, dove però non andò mai in scena. Tornato nel 1831 a Napoli, dopo il trionfo diAnna Bolena, Donizetti rivide la partitura delGianni di Parigieliminando la sinfonia, la tarantella, e riscrivendo la parte del protagonista, adattandola alle straordinarie capacità di Rubini, e a lui dedicò l’opera con la speranza che la eseguisse a Parigi. Con grande delusione di Donizetti, Rubini non approfittò di questo omaggio, – ma singolarmente cantò quello di Morlacchi nel 1820 al Teatro San Carlo – e non rispose neanche all’autore. Due sono i possibili motivi del gesto: i parigini erano da tempo abituati all’opera di Boïeldieu, e la carriera di Rubini, ormai, ruotava principalmente intorno alle figure di eroi sfortunati come Gualtiero delPiratao Percy diAnna Bolena, ben diversi da quelli ormai fuori moda come Gianni. Non si può escludere che Rubini, memore dello scarso successo delGianni di Calais(1828), ruolo simile alGianni di Parigi, cantato nel 1833 al Théâtre Italien con scarso successo, non volesse ripetere l’esperienza.

Il delfino di Francia è promesso sposo alla principessa di Navarra, ma prima di impegnarsi vuole conoscerla. Si reca, fingendosi un ricco borghese, in una locanda di posta dove è attesa la principessa. Pagando lautamente, affitta tutte le stanze già prenotate dalla principessa, e allo stesso modo si appropria di tutte le vivande. Giunta la principessa, Gianni le offre alloggio e pranzo. Il gran siniscalco ne è indignato, la principessa pare divertita: ha capito che il ricco parigino è il suo promesso sposo, e così sta al gioco. Tra i due fiorisce l’amore e la decisione di sposarsi.

La prima rappresentazione andò in scena alla Scala, senza il consenso di Donizetti e solo per sette sere con inserimento di ‘arie di baule’, con cambiamenti nelle due arie del soprano, e nella seconda del tenore. L’unico autoimprestito è il rondò della principessa “Fausto sempre splenda il sole” che proviene dall’atto unicoFrancesca di Foix(1831), adattando le parole della cabaletta, in luogo dell’originale “Tutto vorrei presente”. La musica è ricca di pregi, di trovate ed è di ottima fattura. Nel primo atto prevale il tono comico, ad esempio nelle battute tra Gianni e l’oste, e nell’atteggiamento divertito della principessa il ritmo incalzante. L’apice della comicità si tocca, nel secondo atto, col duetto dei due bassi, “Eccellenza se sapesse” tra il gran siniscalco e Pedrigo, che nulla ha da invidiare, per vivacità, ritmo e felicità del testo a “Un segreto d’importanza” dallaCenerentoladi Rossini. Dall’aria di Gianni “Il mio destin dipende” in poi si cambia clima, per trascolorare verso un’atmosfera più idilliaca, proseguendo col duetto fra i due giovani “Ah, nulla di più perfetto”, per concludere con i fuochi d’artificio della principessa nel rondò “Tutto vorrei presente”, una delle arie più virtuosistiche scritte da Donizetti. Infine la cabaletta di Gianni “Tutto qui spiri”, trasportata in altra tonalità, diverrà “Un fuoco insolito” e troverà sistemazione nelDon Pasquale.
Fonte: Dizionario dell'Opera Baldini&Castoldi


Credits - Condizioni del servizio - Press Room - Pubblicità