Home Page
Consultazione
Ricerca per categorie
Ricerca opere
Ricerca produzioni
Ricerca allestimenti
Compagnia virtuale
Servizio
Informazioni e FAQ
Condizioni del servizio
Manuale on-line
Assistenza
Abbonamento
Registrazione
Listino dei servizi
Area pagamenti
Situazione contabile


Visualizzazione opere

Gianni di Calais
Melodramma semiserio in tre atti di Domenico Gilardoni, da Jean de Paris di Louis-Charles Caignes
Musica di Gaetano Donizetti 1797-1848
Prima rappresentazione: Napoli, Teatro del Fondo, 2 agosto 1828

Personaggi
Vocalità
Adelina
Soprano
Arrigo
Contralto
Corrado
Tenore
Gianni di Calais
Tenore
Guido
Basso
il re, padre di Metilde
Basso
Metilde
Soprano
Rogiero
Tenore
Rustano
Baritono
un ufficiale
Tenore
Note
Il 1828 fu un anno felice per Gaetano Donizetti: la collaborazione con Domenico Gilardoni procedeva proficuamente eL’esule di Roma(1º gennaio, Teatro San Carlo) gli aveva procurato il maggior successo della sua carriera napoletana. Con Barbaja aveva sottoscritto un nuovo contratto più redditizio e meno oneroso e il debutto genovese diAlina, regina di Golconda(12 maggio) aveva ottenuto un «felicissimo esito» (a Mayr, 15 maggio 1828). Ma soprattutto il compositore aveva potuto sposare, il 1º giugno, l’amata Virginia Vasselli.Gianni di Calais, composto in quella estate, sembra risentire di un clima particolarmente sereno e propizio. In un tono allegro e favolistico, la vicenda si svolge secondo avvenimenti regolarmente anticipati dai protagonisti, togliendo attesa e imprevedibilità alla successione dei fatti.

Nella notte giungono sulla spiaggia un fanciullo e una donna col volto coperto. Incontrandosi con la duchessa Adelina, sua amica, la donna si svela: è Metilda, figlia del re, fuggita per non sposare l’avido Rogiero. A breve arriverà l’armatore Gianni di Calais, suo sposo e padre del fanciullo: fu lui a salvarla da un pirata sei anni prima mentre fuggiva. Solo il fido Rustano, capo dei marinai di Gianni e conterraneo di Metilda, conosce la sua reale identità. Gianni arriva con l’immagine della moglie e del figlio sulle bandiere della nave. Chiamato a corte, spiega al sovrano che la donna ritratta è sua moglie, di cui non ha mai immaginato l’identità. Compare Metilda gettandosi ai piedi del padre, mentre Rogiero, adirato, prepara l’occasione per vendicarsi. Alcuni suoi uomini, travestiti da marinai di Gianni, rapiscono il figlioletto per imbarcarlo assieme al padre e accusarli così di fuga. Mentre Rustano riesce con astuzia a riprendere il fanciullo, il re ha già scoperto e punito Rogiero, e Gianni può riabbracciare sua moglie.

Tra i protagonisti spicca la figura di Rustano, paladino del migliore sentimento di amicizia. La sua parte fu scritta per il celebre buffo Antonio Tamburini, acclamato per le sue eccezionali doti di vocalista. L’esordio “Una barchetta il mar solcando va” è una divertente barcarola: l’amenità e l’arguzia del personaggio si svelano per mezzo di una canzone popolare napoletana, che suscitò l’entusiasmo del pubblico partenopeo. È affidata a Rustano anche la lieta conclusione (“Non vi è bene senza pene”), un rondò fedele alle consuetudini del tempo. Altro interprete di rango fu il tenore Giovanni Battista Rubini, nel ruolo di Gianni, la cui aria d’esordio “Feste, pompe, omaggi, onori?” verrà utilizzata da Donizetti nella versione italiana dellaFille du régiment(aria di Tonio II,3). Nel recensire lo spettacolo il corrispondente della ‘Gazzetta musicale di Milano’ sottolineava le situazioni «veramente ingegnose del libretto» e l’abilità del maestro nel rivestire le «grazie comiche nel melodramma» di «leggiadra caratteristica musica». Grazie anche a Rubini e Tamburini l’opera ebbe sedici repliche; riscossero particolare successo alcuni duetti e terzetti (“Io l’astrologo non fo” per tenore e baritono; “Io so che tu sei qui” per soprano, tenore, baritono), tanto che due anni dopo l’editore Ricordi fu autorizzato a pubblicarli come brani separati per canto e pianoforte.
Fonte: Dizionario dell'Opera Baldini&Castoldi


Credits - Condizioni del servizio - Press Room - Pubblicità