Home Page
Consultazione
Ricerca per categorie
Ricerca opere
Ricerca produzioni
Ricerca allestimenti
Compagnia virtuale
Servizio
Informazioni e FAQ
Condizioni del servizio
Manuale on-line
Assistenza
Abbonamento
Registrazione
Listino dei servizi
Area pagamenti
Situazione contabile


Visualizzazione opere

Mala vita
Melodramma in tre atti di Nicola Daspuro, dalla commedia omonima di Salvatore Di Giacomo e Goffredo Cognetti
Musica di Umberto Giordano 1867-1948
Prima rappresentazione: Roma, Teatro Argentina, 21 febbraio 1892

Personaggi
Vocalità
Amalia
Mezzosoprano
Annetiello
Baritono
Cristina
Soprano
Marco
Basso
Nunzia
Mezzosoprano
Vito Amante
Tenore
Note
Appena diplomatosi al Conservatorio di Napoli, e dopo un brillantissimo saggio finale, nel 1890 il ventitreenne Umberto Giordano ottenne dall’editore Sonzogno un contratto per musicareMala vita, tratta da un soggetto di Salvatore Di Giacomo.

A Napoli, verso il 1810. Il tintore Vito, amante di Amalia, una donna sposata, è tisico; poiché ha paura di morire fa un voto al Crocifisso di sposare la prima prostituta che incontrerà, per redimerla. Davanti alla fontana incontra Cristina e le propone di sposarlo; la ragazza accetta. Ma Amalia non è disposta a perdere l’amante: affronta e schernisce l’ex prostituta. Vito, che non riesce a resistere al fascino di Amalia, abbandona Cristina; la ragazza, sconfitta, torna a fare la prostituta.

Il modello al quale si ispira Giordano per la sua prima opera èCavalleria rusticana(i protagonisti diMala vitafurono proprio Roberto Stagno e Gemma Bellincioni, primi interpreti dell’opera di Mascagni): brindisi e intermezzi sono di chiara derivazione mascagnana; per riprodurre il colore locale, Giordano impiega tarantelle e canzoni napoletane (Annetiello, un amico di Vito, canta una canzone in dialetto “Ce sta, ce sta nu mutto ca dice”). Ma il giovane operista dimostra già una certa maturità compositiva, soprattutto nella scena del voto di Vito (“Di quest’anima mia sii redentore”) e nel duetto-scontro tra Amalia e Cristina (“Ma questo amore è l’ultima mia speranza”). L’opera ebbe un grande successo soprattutto in Germania e in Austria; in Italia invece il soggetto venne ritenuto troppo scandaloso. Nel 1897 Giordano presentò una nuova versione dell’opera, con il titoloIl voto, nella quale non figura il personaggio di Annetiello e Cristina si suicida.
Fonte: Dizionario dell'Opera Baldini&Castoldi


Credits - Condizioni del servizio - Press Room - Pubblicità