Home Page
Consultazione
Ricerca per categorie
Ricerca opere
Ricerca produzioni
Ricerca allestimenti
Compagnia virtuale
Servizio
Informazioni e FAQ
Condizioni del servizio
Manuale on-line
Assistenza
Abbonamento
Registrazione
Listino dei servizi
Area pagamenti
Situazione contabile


Visualizzazione opere

Otto mesi in due ore
Melodramma romantico in tre parti di Domenico Gilardoni, dal dramma La figlia dell’esiliato, ossia Otto mesi in due ore di Luigi Marchionni
Musica di Gaetano Donizetti 1797-1848
Prima rappresentazione: Napoli, Teatro Nuovo, 13 maggio 1827

Personaggi
Vocalità
Alterkan
Basso
Elisabetta
Soprano
il gran maresciallo
Basso
Iwano
Basso
la contessa Fedora
Mezzosoprano
l’imperatore
Tenore
Maria
Mezzosoprano
Michele
Baritono
Orzak
Tenore
Potorski
Tenore
Note
Rientrato a Napoli dopo il tiepido successo romano diOlivo e Pasquale(Teatro Valle, 7 gennaio 1827), Donizetti sottoscrisse il più oneroso dei suoi contratti con Domenico Barbaja: in tre anni si impegnava a comporre dodici opere, e avrebbe assunto inoltre l’incarico di direttore del Teatro Nuovo. Il primo risultato di tale accordo fuOtto mesi in due ore, che apriva la stagione di primavera e con cui si inaugurò anche la collaborazione tra il compositore e il napoletano Domenico Gilardoni (1798-1831), appena subentrato a Leone Andrea Tottola come poeta del San Carlo. Dopo l’esordio belliniano diBianca e Gernando(1826), Gilardoni divenne il librettista pressoché esclusivo di Donizetti prima della sua prematura scomparsa. Il libretto attinge a un testo teatrale di Luigi Marchionni («dramma romantico»), uno dei maggiori successi nella stagione di prosa napoletana del 1820; il titolo dello spettacolo è tratto da un racconto di Marie Sophie Cottin (Parigi 1806) e fa esplicito riferimento all’infrazione delle unità aristoteliche propria del teatro romantico.

Il nobile Potorski è stato ingiustamente esiliato per le trame del boiardo Iwano e del gran maresciallo di corte, che lo avevano messo in cattiva luce agli occhi dello zar; vive ormai da molti anni a Tobolsk, in Siberia, in compagnia della moglie Fedora, della figlia Elisabetta e dell’anziana nutrice Maria. Mentre nel paese ci si appresta a festeggiare il compleanno di Elisabetta, giunge Michele, figlio della nutrice Maria, divenuto nel frattempo corriere dello zar. Elisabetta gli chiede aiuto per attuare il suo progetto: recarsi a Mosca per dimostrare allo zar l’innocenza paterna e implorare la grazia. Nonostante l’opposizione dei genitori, fugge di notte con Michele e intraprende un viaggio avventuroso, sopravvivendo ai rigori invernali e a varie peripezie, tra cui un incontro con i Tartari, una violenta tempesta e lo straripamento di un fiume, da cui si salva grazie a dei contadini. Dopo otto mesi di fatiche, Elisabetta giunge finalmente a Mosca e riesce a essere ricevuta dallo zar: il tradimento è scoperto, il gran maresciallo viene condannato all’esilio e il suo titolo passa a Potorski, tornato dalla Siberia, che può così riabbracciare la figlia.

Otto mesi in due orevenne replicata per diciannove sere e fu il titolo donizettiano di maggior successo fra quelli composti a Napoli fino a quel momento. Il musicista ne diede un resoconto al compositore Andrea Monteleone, direttore del Real Teatro Carolino di Palermo: «Decorata per eccellenza; ed esecuzione bastantemente precisa per parte di macchine, scene, e vestiario, che sono le cose principali. La musica adorna di tutto questa ha avuto un esito felicissimo, ed io fra gli altri fui pure chiamato sul palco dopo i tanti evviva già compartiti al cembalo» (lettera del 14 maggio 1827). In effetti nell’opera si trovavano tutti gli elementi congeniali al pubblico napoletano di allora: belcantismo di stampo rossiniano, come nella virtuosistica cavatina di Elisabetta (“Dal palpitar cessate”); effetti scenici spettacolari e connotazioni musicali suggestive, in particolare nella tempesta del secondo atto e nell’originale atmosfera crepuscolare (per la fuga notturna di Elisabetta e Michele sono prescritti archi con sordina) che conclude il primo atto; e soprattutto il ruolo di Michele, un buffo napoletano costruito secondo i modelli di Papaccione (La zingara) e di Don Romualdo (Emilia di Liverpool), in cui un semplice canovaccio melodico lascia ampio spazio all’abilità di improvvisazione teatrale dell’interprete. Donizetti rifece i recitativi in italiano per una sfortunata ripresa a Palermo (30 maggio 1828) e l’opera, anche con il titoloGli esiliati in Siberia, venne rappresentata con alternanza di insuccessi e trionfi in numerosi teatri italiani: alla Scala di Milano (4 settembre 1831), dove ebbe comunque diciassette rappresentazioni, fu criticata la debolezza dell’intreccio; a Modena (3 febbraio 1831) la marcia che introduce lo zar nel terzo atto divenne l’inno dei rivoltosi, legando così per la prima volta un’opera donizettiana ai moti risorgimentali. Due revisioni significative furono effettuate nel 1832 per Roma e nel 1834-35 per Torino, quest’ultima mai rappresentata. In esse la collaborazione di Jacopo Ferretti contribuì a umanizzare la figura eroica di Elisabetta, dibattuta tra timori e coraggio, più credibilmente conscia delle difficoltà dell’impresa; Donizetti si orientò verso brani strutturalmente più elaborati e complessi, collegati per lo più da recitativi accompagnati. L’interesse e la vitalità che Donizetti trovava in questo soggetto sono attestati dalle ripetute revisioni e dalle due nuove opere realizzate a partire dalla versione del 1827: col titoloElisabethsono stati scoperti al Covent Garden nel 1984 due lavori (uno su testo francese, l’altro in italiano) realizzati attorno al 1840 per un progetto londinese poi non attuato, con musica in buona parte di nuova composizione. Nessuna delle diverse versioni diOtto mesi in due oreedElisabethè stata ancora ripresa in un moderno allestimento.
Fonte: Dizionario dell'Opera Baldini&Castoldi


Credits - Condizioni del servizio - Press Room - Pubblicità