Home Page
Consultazione
Ricerca per categorie
Ricerca opere
Ricerca produzioni
Ricerca allestimenti
Compagnia virtuale
Servizio
Informazioni e FAQ
Condizioni del servizio
Manuale on-line
Assistenza
Abbonamento
Registrazione
Listino dei servizi
Area pagamenti
Situazione contabile


Visualizzazione opere

Orfeo ed Euridice
Dramma per musica in tre atti di Ranieri de’ Calzabigi
Musica di Ferdinando Bertoni 1725-1813
Prima rappresentazione: Venezia, Teatro San Benedetto, 3 gennaio 1776

Personaggi
Vocalità
Euridice
Soprano
Imeneo
Tenore
Orfeo
Contralto
Note
Felice compositore di opere comiche e di alcune opere serie accolte con favore, grazie anche alla collaborazione con il castrato Gaspare Pacchierotti, Bertoni ottenne un grande successo mettendo in musica l’Orfeocalzabigiano per la terza volta dopo Gluck (1762) e Antonio Tozzi (1775). Questa, che fu la sua unica opera pubblicata, venne allestita nei teatri di tutta Europa per tutto l’ultimo quarto di secolo con due produzioni rilevanti: quella di Reichardt, assai rimaneggiata, per Berlino e quella di Haydn per Eszterháza, entrambe del 1788. Il successo fu un poco offuscato dall’accusa di plagio lanciata dai gluckisti parigini. I debiti, però, erano reciproci: Gluck aveva impiegato l’aria di bravura “So’ che dal ciel discende” dalTancredidi Bertoni (Torino 1766) per il finale del primo atto della versione francese dell’Orfeo; Bertoni, dal canto suo, riconobbe, nella prefazione alla seconda edizione dell’Orfeo, di aver avuto presente la partitura di Gluck durante la composizione dell’opera. Vistose sono le somiglianze, già notate da Berlioz, nelle scene infernali dei due autori e nei grandi cori omofonici e sillabici. Più libertà dimostra Bertoni nelle arie, che spesso abbrevia, facendole precedere da recitativi e orchestrandole alla maniera italiana, come nel lamento di Orfeo nel terzo atto (“Che farò senza Euridice”), che è accompagnato da oboi e corni oltre che dagli archi. L’orchestrazione è più povera rispetto a quella gluckiana ed è limitata all’organico dell’opera veneziana: due oboi, due corni, archi, basso continuo e arpa, quando disponibile, per il secondo atto. Fedele alle prescrizioni dei vati dell’opera riformata Calzabigi e Algarotti, l’autore impiega sempre il recitativo accompagnato, con l’aggiunta di un oboe agli archi.
Fonte: Dizionario dell'Opera Baldini&Castoldi

Credits - Condizioni del servizio - Press Room - Pubblicità