Home Page
Consultazione
Ricerca per categorie
Ricerca opere
Ricerca produzioni
Ricerca allestimenti
Compagnia virtuale
Servizio
Informazioni e FAQ
Condizioni del servizio
Manuale on-line
Assistenza
Abbonamento
Registrazione
Listino dei servizi
Area pagamenti
Situazione contabile


Visualizzazione opere

Pittori fiamminghi
Dramma lirico in tre atti di Luigi Illica
Musica di Antonio Smareglia 1854-1929
Prima rappresentazione: Trieste, Teatro Comunale, 21 gennaio 1928

Personaggi
Vocalità
Cornill Schut
Tenore
Craesbecke
Baritono
Elisabetta van Thourenhoudt
Soprano
Frans Hals
Basso
Gertrud
Soprano
Kettel
Contralto
Note
Basandosi su una vicenda di pittori fiamminghi vissuti attorno al 1600, Luigi Illica aveva scritto nel 1893 un libretto per Antonio Smareglia intitolatoCornill Schut, dal nome del protagonista. L’opera venne presentata con grande successo a Dresda nel 1893; quindi, nel 1917 e con qualche modifica, venne riproposta con il titoloPittori fiamminghi.

Anversa, 1600. Sulla piazza i pittori raccontano avventure di donne, vino e quadri, mentre tutti attendono Cornill Schut. Da un po’ di tempo egli pare cambiato: è triste, taciturno, e ha lasciato Gertrud. Secondo i pittori la sua insoddisfazione nasce dal desiderio di raggiungere la gloria e la fama eterna; Cornill, dal canto suo, dichiara che la sua unica fonte di ispirazione è il vino. Incontra quindi la giovane Elisabetta, e si mette a corteggiarla; i due si innamorano e vanno a vivere insieme sul lago Alkmar. Cornill ha abbandonato la pittura, ma continua a essere tormentato dai dubbi: come conquistarsi un posto per l’eternità? La vecchia Kettel racconta che il quadro dipinto da Cornill è esposto nella cattedrale e ammirato da tutti. Anche gli amici pittori, allora, convincono Schut a tornare in città, mentre Elisabetta lo saluta, convinta di non rivederlo più. La donna, abbandonata, si è ritirata in un convento di carmelitane per prendere i voti. Cornill deve dipingere un quadro per la chiesa del convento; ma l’ispirazione è spenta, lontano da Elisabetta tutto è diventato oscuro. Così supplica invano Elisabetta di tornare con lui; poi, ispirandosi al suo volto, dipinge una Madonna e muore, mentre la folla acclama la sua arte.

Più di un critico, dopo la ‘prima’, volle definire l’opera una sorta diMeistersingerall’italiana, soprattutto per la capacità di descrivere una città e la vita di un gruppo come quello dei pittori. Smareglia, nonostante il dramma storico approntato da Illica, predilige il clima dell’idillio, con melodie toccanti come la romanza di Elisabetta “Morran pei margini le margherite” o il delicato preludio al secondo atto, che descrive la natura primaverile. Nel finale del terzo atto il compositore sovrappone, con notevole efficacia drammaturgica, diversi piani sonori, nella scena in cui Cornill dipinge il suo ultimo quadro: il canto interno delle monache e di Elisabetta dal chiostro, quello esterno che proviene dai prati mentre Cornill, in chiesa, siede davanti alla tela.
Fonte: Dizionario dell'Opera Baldini&Castoldi


Credits - Condizioni del servizio - Press Room - Pubblicità