Home Page
Consultazione
Ricerca per categorie
Ricerca opere
Ricerca produzioni
Ricerca allestimenti
Compagnia virtuale
Servizio
Informazioni e FAQ
Condizioni del servizio
Manuale on-line
Assistenza
Abbonamento
Registrazione
Listino dei servizi
Area pagamenti
Situazione contabile


Visualizzazione opere

Tutti in maschera
Commedia lirica in tre atti di Marco Marcelliano Marcello, dalla commedia L’impresario delle Smirne di Carlo Goldoni
Musica di Carlo Pedrotti 1817-1893
Prima rappresentazione: Verona, Teatro Nuovo, 4 novembre 1856

Personaggi
Vocalità
Abdalì
Baritono
Don Gregorio
Basso
Dorotea
Mezzosoprano
il cavaliere Emilio
Tenore
Lisetta
Soprano
Martello
Basso
Vittoria
Soprano
Note
Pedrotti esordì come operista a Verona conLina(1840) eClara di Mailand(1841); nello stesso anno passò a dirigere il Teatro Italiano di Amsterdam e vi fece rappresentareMatilde, la figlia dell’arciere. Dal 1846 al 1868 tornò nella sua città, dedicandosi alla direzione nei teatri Filarmonico e Nuovo; qui produsse una decina di opere, che lo fecero conoscere a livello nazionale (tra esseFiorina,Tutti in maschera,Guerra in quattro). La sua fama derivò però dalla successiva attività torinese, che lo vide fra i promotori della rinascita sinfonica italiana (Concerti popolari, 1872) e apprezzato direttore operistico; tra le prime esecuzioni italiane da lui dirette ricordiamo, oltre a opere di Wagner,Carmendi Bizet,Il re di Lahoredi Massenet,La regina di Sabadi Goldmark,Il tributo di Zamoradi Gounod,Eldadi Catalani,La regina di Napolidi Bottesini. Nel periodo torinese compose altre due opere,Il favorito(Torino 1870) eOlema la schiava(Modena 1872), maTutti in mascheraviene considerato il suo miglior lavoro.

A Venezia, durante il carnevale del 1780, si svolgono gli intrighi di una piccola compagnia d’opera. Due primedonne rivali si contendono l’attenzione di Abdalì, ricco mercante di Damasco, venuto a Venezia per ingaggiare una propria compagnia di canto. Egli si innamora di una delle due, ma il dolce pegno che le invia viene disgraziatamente recuperato dal marito dell’altra, che crede sia indirizzato alla propria moglie. Si susseguono i fraintendimenti e i sospetti, che non vengono dissipati neppure quando Abdalì invita l’intera compagnia a seguirlo in Turchia. Arriva la prima notte del carnevale e tutti sono mascherati; i mariti delle due primedonne, pieni di sospetti verso le mogli, si travestono da turchi alla maniera di Abdalì, per cogliere in flagrante le consorti. Seguono gli inevitabili equivoci, ma alla fine tutto è chiarito e l’amore fedele trionfa. Abdalì torna in Turchia con una piccola parte della compagnia, lasciando Vittoria e Dorotea, con le quali aveva amoreggiato, alle gioie della vita coniugale.

La commedia goldoniana, di per sé divertente e arguta, prende di mira le velleità esibizionistiche delle primedonne, critica il teatro ‘d’impresario’ che le fomenta ed esalta quello ‘a carato’ (di proprietà dei musicisti). La realizzazione di Pedrotti – compositore che emerse soprattutto nei generi buffo e semiserio, nei quali recuperò l’originario filone napoletano, attualizzandolo alla luce delle conquiste di Rossini e Donizetti – è abile e briosa, esibisce una raffinata scrittura armonica ed elabora interessanti soluzioni drammaturgiche (ad esempio nei continui mutamenti di andamento agogico che caratterizzano la quinta scena del secondo atto, in cui Dorotea cerca di adescare il suscettibile Abdalì). L’opera ebbe un buon successo e resistette sulle scene nazionali ed estere (Vienna 1865; Parigi 1869, con il titoloLes masques, nella traduzione di Nuitter e Beaumont), configurandosi come esempio estremo della tradizione gloriosa dell’opera buffa napoletana. Minore fortuna ebbero invece le opere serie del compositore veronese, ancora legate ai modi rossiniani e del primo Verdi; egli stesso ne proibì in età matura l’esecuzione, giudicandole «roba da vecchi» e forse avvertendone la scarsa incisività.
Fonte: Dizionario dell'Opera Baldini&Castoldi


Credits - Condizioni del servizio - Press Room - Pubblicità