Home Page
Consultazione
Ricerca per categorie
Ricerca opere
Ricerca produzioni
Ricerca allestimenti
Compagnia virtuale
Servizio
Informazioni e FAQ
Condizioni del servizio
Manuale on-line
Assistenza
Abbonamento
Registrazione
Listino dei servizi
Area pagamenti
Situazione contabile


Visualizzazione opere

Torquato Tasso
Melodramma in tre atti di Jacopo Ferretti, dalla commedia omonima di Giovanni Rosini
Musica di Gaetano Donizetti 1797-1848
Prima rappresentazione: Roma, Teatro Valle, 9 settembre 1833

Personaggi
Vocalità
Alfonso II d’Este
Basso
Ambrogio
Tenore
Don Gherardo
Basso
Eleonora d'Este
Soprano
Eleonora di Scandiano
Mezzosoprano
Roberto Geraldini
Tenore
Torquato Tasso
Baritono
Note
«Indovini cosa scrivo? IlTasso!», annunciava Donizetti al suo maestro Giovanni Simone Mayr, in una lettera del 27 maggio 1833. «Lessi Goethe, Rosini, Goldoni, Duval, Serassi, Zuccala e le ultime cose del Missirini che dovea donare all’Italia per mezzo della soppressaAntologia(...). La Compagnia è debole, ma di Ronconi ne posso far qualche cosa, che mi rappresenta ilFuriosoper eccellenza. Da molti anni desiderava sopra sì gran poeta far qualche cosa, ed avrei voluto un Rubini per protagonista...». Nelle intenzioni di Donizetti, Tasso doveva essere tenore: fu invece baritono e così nacque una parte notevolmente complessa, creata per la vocalità del giovane Giorgio Ronconi. Per lui il compositore aveva concepito il suo primo grande ruolo baritonale, il protagonista Cardenio nelFurioso all’isola di San Domingo, opera rappresentata nel Teatro Valle di Roma nel gennaio 1833. È per lo stesso teatro che Donizetti iniziava a comporre, nella tarda primavera di quell’anno, un’altra opera semiseria: la compagnia prevedeva un basso buffo, quindi il librettista Ferretti fu costretto a inserire una parte comico-grottesca anche nelTasso, ossia il personaggio di Don Gherardo.

Atto primo. Nel palazzo del duca di Ferrara, i cortigiani commentano la condizione di Torquato Tasso, poeta innamorato e prossimo a cadere in disgrazia presso il duca. All’arrivo del pettegolo e curioso Don Gherardo, che interroga insistentemente i presenti, i cavalieri lo trattano con sufficienza. Nemmeno il servitore di Torquato degna Gherardo di attenzione, rispondendo a monosillabi alle sue estenuanti domande. Il segretario del duca, Roberto Geraldini, manifesta la sua invidia nei confronti del poeta, acclamato da tutti, e medita di vendicarsi. Torquato «avanzasi lentamente come assorto in pensieri d’amore», scrivendo e declamando versi; Geraldini lo sorprende e si finge suo amico. Torquato gli consegna la chiave di un suo scrigno, che contiene il foglio con alcuni versi scritti per Eleonora, sorella del duca, promessa sposa al duca di Mantova. Geraldini fa in modo che il foglio compromettente caschi in mano di Gherardo. Eleonora legge estasiata i versi del poeta (“Io l’udia ne’ suoi bei carmi”). In sua presenza, Torquato inizia a declamare l’episodio di Olindo e Sofronia dallaGerusalemme liberata, ma Eleonora lo interrompe e gli dichiara il suo amore. Intanto il foglio è stato portato al duca e Torquato si avventa su Geraldini, credendolo colpevole della delazione. Il duca divide i duellanti e invita tutti nella sua residenza di Belriguardo.

Atto secondo. A Belriguardo. Eleonora contessa di Scandiano, credendosi amata dal poeta, rifiuta la corte di Gherardo; ella crede all’innocenza di Geraldini e gli confida di aver dato un ultimo appuntamento a Torquato. Di notte, nel giardino, si avanza il poeta sotto i raggi lunari: Eleonora gli dichiara per l’ultima volta il suo amore, Torquato non resiste all’idea di perderla e tenta di costringerla a fuggire, in un impeto di violenza. Il duca, informato da Geraldini del colloquio segreto, imprigiona Torquato dichiarandolo folle.

Atto terzo. Sette anni dopo. Nel carcere in cui è stato rinchiuso, Torquato pensa sempre a Eleonora (“Perché dell’aure in sen”), quando irrompono i cavalieri con l’annuncio che sarà liberato e incoronato poeta in Campidoglio. Torquato goisce al pensiero di poter riabbracciare Eleonora, ma i cavalieri lo informano che la donna è morta da tempo: in preda alla tristezza, Torquato si avvia a rendere omaggio alla tomba dell’amata.

Di particolare interesse sono le sezioni del libretto in cui si citano i versi originali del Tasso: «Talvolta mi è riuscito», informa Ferretti, «di far parlare Torquato con versi tolti qua e là dal suo bellissimo, e forse non abbastanza ammirato Canzoniere». Un libretto d’opera poteva quindi essere anche veicolo di altri testi, citati in ampie sequenze oppure inseriti a brevi frammenti. In molte opere del Seicento era presente un gusto ‘metaletterario’, che coinvolgeva gli interessi di un pubblico di lettori-ascoltatori: ad esempio, in alcune opere romane su libretto di Giulio Rospigliosi, basate sui poemi di Ariosto e di Tasso. Come in quei casi, anche nel libretto di Ferretti l’opera diventa pretesto per condensare e declamare in musica, drammatizzandoli e contestualizzandoli fantasiosamente, i versi più famosi di un poeta, in una sorta di antologia personalizzata e celebrata sulla scena. Questo gioco ‘sulla letteratura’ si carica di rinvii e sdoppiamenti interni quando il poeta protagonista è colto nell’atto di scrivere o di leggere i propri versi: ad esempio, nel primo incontro con Eleonora (I,10), in cui la situazione richiama un altro luogo celebre di ‘poesia sulla poesia’, l’episodio dantesco di Paolo e Francesca, spinti a dichiararsi dalla lettura di un romanzo, proprio come avviene per Eleonora quando Torquato le legge un episodio del suo poema. Non solo il compositore, nella lettera citata, ma anche il librettista, nella premessa al libretto, indicano un numero eccezionale di fonti alle quali si sono riferiti per redarre il libretto dell’opera. La principale è una commedia di Giovanni Rosini, ma l’impronta ‘semiseria’ e l’atmosfera pettegola delle trame di corte derivano dalla lettura della tragicommedia in cinque atti di Carlo Goldoni. Il protagonista del libretto riflette anche il mito di Tasso caro al romanticismo:The Lament of Tassodi Byron (1817) era tradotto e conosciuto in Italia. La fusione fra elemento comico e tragico sarà più felice nellaLucrezia Borgiao nellaMaria di Rohan: qui il personaggio sgradevole di Don Gherardo, con le sue tirate di sillabati velocissimi, su versi di rossinianononsense, stridono con i numerosi momenti di atmosfera sognante e malinconica, che accompagnano gli interventi di protagonisti, Torquato ed Eleonora, condannati a un amore infelice. Il preludio per clarinetto solista, che introduce la sortita di Eleonora (I,8), dipinge la poesia del personaggio, una prima donna fragile e minata dalla malattia (come più volte fa intendere nelle sue parole), che non sopravviverà alla forzata separazione dal poeta. Nella declamazione del protagonista, Donizetti si mostrò assai attento a variare il recitativo accompagnato con formule poco consuete, ariosi, accenti veementi o linee vocali più contenute. Donizetti intona amorosamente quei passi in cui Torquato parla con i versi del suo Canzoniere, con grande attenzione agli accenti e ai valori verbali. L’ultima scena (definita come atto a parte per esigenze di stacco temporale) è interamente dedicata al poeta: prediletta dai baritoni nel corso dell’Ottocento, fu spesso eseguita indipendentemente dall’opera. Essa inizia con un preludio strumentale in minore, la cui melodia è affidata ai corni, con echi dei violini al termine delle frasi. Il flauto solista introduce la prima cavatina di Torquato (Larghetto “Perché dell’aure in sen”), alla quale segue il coro, introdotto dal Vivace già ascoltato nel preludio dell’opera. L’aria doppia vera e propria inizia con un cantabile in tonalità maggiore (“Parlerà. Ne’ sogni miei”) ed è conclusa da una mesta cabaletta (il Moderato “Tomba di lei, che rendermi”). In epoca moderna, l’opera è stata ripresa in forma scenica a Savona, nel 1985, per la stagione dell’Opera Giocosa (protagonisti Simone Alaimo e Luciana Serra, direttore Massimo De Bernart).
Fonte: Dizionario dell'Opera Baldini&Castoldi


Credits - Condizioni del servizio - Press Room - Pubblicità